Condividi su:

L’ atteso derby termina con la larga vittoria (solo sul piano numerico) dei lupi giallo verdi 

San Pietro Napoli:

Fusco, Eliseo, Prato. Russo (83’ Sammarco), Esposito, Notari, Ruffo, Orefice, Pierleoni (52’ Infantozzi), Bifaro, Biancardi (60’ Parisi F.)

A disposizione: Barretta, Langella, Parisi E.  Silvestre

Allenatore: Fiorito

Sanità Calcio:

Cucarano , Shassah (67’ Lo Bascio) , Viviani (32’ Iazzetta), Massaro , Buonfante , Piccolo , Cancello , Mango (80’ Morra) , Nacarlo , Formato , Fabozzi

A disposizione: Lombardo , Coppola , Arrichiello

Allenatore: Cuomo Umberto / Vitolo

Arbitro: Francesco Illiano di Napoli

Marcatori: 21’ Pierleoni (SP) 62’ Cancello (S) 67’ su rig. e 75’ Bifaro , 82’ Orefice (SP)

Spettatori: 120 circa

Angoli: 3-4

Ammoniti: Prato (SP) Massaro , Cancello , Mango e Iazzetta (S)

Espulsi: 67’ Piccolo (S)

Note : primo tempo 46’ minuti , secondo tempo 48’ minuti

L’attesissimo derby San Pietro Napoli – Sanità Calcio valido per la 1° giornata del campionato di 1° categoria girone E , termina (come da previsione vista la notevole differenza di organico) con il successo locale per 4 a 1 , un risultato che però non deve ingannare , infatti la giovanissima Sanità Calcio (nove under 23) ha lottato alla pari con una delle presunte favorite alla vittoria finale , restando in gara fino al 67’ quando c’è stato l’episodio che ha deciso l’incontro , rigore contro ed espulsione per gli ospiti , che dopo aver subito la trasformazione del penalty sono crollati fisicamente e mentalmente.

Passando alla cronaca la gara inizia subito su ritmi alti , le due squadre si affrontano a viso aperto , la prima occasione è per gli ospiti all’11’ con Nacarlo che smarcato da un ottimo assist di Formato , calcia dal limite centrale , ma è strepitosa la deviazione in angolo di Fusco , la risposta dei locali è micidiale , infatti al 21’ passano in vantaggio con Pierleoni che ribadisce in rete da sottomisura una respinta corta di Cucarano su conclusione di testa di Bifaro dal dischetto , i locali sulle ali dell’entusiasmo sfiorano il raddoppio al 26’ con Ruffo , ma la sua punizione dai 25 metri centrali è parata a terra , la rete subita non scoraggia i giovanissimi di mister Cuomo , che prima vanno al tiro al 30’ con Cancello dal vertice alto sx , la cui conclusione è alta , e poi sfiorano la rete al 34’ con Nacarlo , il cui perfetto pallonetto a scavalcare il portiere da centro area dx è salvato incredibilmente sulla linea da Esposito tra lo stupore generale , l’ultima occasione di un bel primo tempo è per Ruffo al 43’ ma il suo tiro al volo dal limite dx sfiora il palo.

Nel secondo tempo il ritmo resta alto , al 51’ lo scatenato Ruffo calcia al volo da centro area sx , ma la conclusione è alta , il meritato pareggio per la Sanità Calcio è opera di Cancello che realizza al 62’ con un bel tiro teso dai 20 metri centrali , la gioia dura poco però , in quanto al 67’ c’è l’episodio che decide la gara , Piccolo si lascia ingannare dall’esperto avversario commettendo fallo da rigore , essendo già ammonito , la nuova sanzione decreta la sua espulsione , in dieci uomini e sotto di una rete per la realizzazione del penalty da parte di Bifaro , gli ospiti si sciolgono e crollano mentalmente e fisicamente , infatti da quel momento è un monologo locale , nell’ordine al 68’ Infantozzi calcia da centro area dx , ma è bravo Cucarano a respingere e straordinario sul prosieguo dell’ azione respingendo la conclusione a botta sicura di Ruffo , al 75’ Bifaro servito solo davanti al portiere in prossimità del vertice basso dx insacca la rete del 3 a 1 , al 79’ Cucarano si supera ancora una volta parando in due tempi la conclusione di Ruffo lanciato solo davanti a lui , il poker è realizzato da Orefice all’82’ con il classico eurogol , la sua conclusione dai 25 metri centrali si insacca imparabilmente tra le spalle del portiere avversario , l’ultima occasione è sempre per i locali con Prato all’85 , che al termine di un’azione personale sulla dx calcia dal vertice basso sfiorando il palo.

Termina dunque quattro a uno per il San Pietro Napoli, che in termini numerici è premiato per ben oltre i meriti, tuttavia nonostante il pesante passivo la Sanità Calcio, esce a testa alta, anzi esce ancor più rafforzata, perché se gli avversari odierni sono davvero tra le candidate per la vittoria finale, gli ospiti al completo (oggi grande emergenza) sicuramente potranno salvarsi senza troppi patemi