Il tecnico casertano non snobba la Sessana ma pensa anche al campionato: “A Nola grande blitz”
Io sono una persona che non si arrende mai e sto cercando di trasmettere questa caratteristica al gruppo. Domenica pomeriggio i miei ragazzi mi hanno seguito alla lettera ed abbiamo portato a casa una grande vittoria”: con queste parole esordisce Giuseppe Cicala, allenatore della Real Maceratese che domenica ha capitalizzato una rimonta da infarto allo “Sporting Club” di Nola. In svantaggio ed in inferiorità numerica, i maceratesi del presidente Andrea Guida e del vicepresidente Giuseppe Iannotta hanno ribaltato il punteggio negli ultimi cinque minuti di gara, lasciando a bocca asciutta il Cimitile che sull’1-0 a favore si è divorato il rigore del raddoppio grazie all’ennesima prodezza del portiere Mormile.
Un trionfo che serve alla compagine biancoazzurra per portarsi a quota 7 punti e sfatare un tabù che andava avanti da anni a Nola: “Sul manto in erba sintetica dello “Sporting Club” di Nola, abbiamo disputato sempre ottime prestazioni, tuttavia siamo tornati a casa sempre con il bottino di zero punti. Domenica, invece, abbiamo cacciato gli attributi, come si suol dire in gergo, ed abbiamo compiuto un grande blitz. Abbiamo tenuto benissimo il campo nel secondo tempo, nonostante giocassimo in dieci uomini. L’orgoglio è uscito fuori, infatti abbiamo fatto di tutto per portare i tre punti a casa, complimenti a tutti i ragazzi per la prestazione”.
Domani, mercoledì 12 ottobre, i maceratesi del dg Modesto Giraldi e del ds Salvatore De Cesare scendono in campo per il ritorno dei sedicesimi di finale di Coppa Italia Eccellenza & Promozione. Per la prima volta in stagione, la partita verrà disputata al “Centro Polisportivo” di Macerata Campania alle 15.30, appuntamento nel quale si cercherà di ribaltare il 4-0 subito all’andata: “Il nostro obiettivo è quello di onorare la Coppa Italia, anche se ovviamente il campionato è molto più importante. In gruppo predichiamo calma e tranquillità, una volta che ci siamo salvati, metteremo quanto più fieno in cascina per migliorare la nostra classifica. Sei rigori in sette partite? Non mi esprimo su questa consuetudine. L’ultima volta mi sono arrabbiato, ma di questo se ne deve rendere conto la federazione degli arbitri”.
DOMENICO VASTANTE
UFFICIO STAMPA A.S.D. REAL MACERATESE