Portici-San Giorgio al “Solaro” di Ercolano, Savoia e Afragolese alla finestra

La settimana scorsa, il Portici ha approfittato dei flop di tutte le concorrenti per la vittoria del campionato e ora si prepara ad affrontarne una che si è rivelata la sua bestia nera negli ultimi due anni: il San Giorgio. Si giocherà in casa degli uomini di mister Borrelli ma al “Solaro” di Ercolano visto che gli azzurri continuano ad emigrare per tutti i comuni del Napoletano in attesa di risolvere l’annosa questione “San Ciro”. Il Portici, attuale capolista, vuole vincere per consolidare il primato e mettere quasi fuori dai giochi i cugini granata. I quali, dal canto loro, devono riscattare lo scivolone interno subito la settimana scorsa contro il Real Albanova. Sicuramente si prospetterà una bella partita, entrambe hanno le motivazioni al punto giusto per dar vita ad una tenzone tutta da seguire. C’è anche l’Afragolese che deve immediatamente riscattarsi dopo il capitombolo di Procida. I rossoblu attendono in casa il Mondragone, una squadra scorbutica soprattutto per le grandi, sicuramente la seconda forza del campionato non può permettersi di steccare ancora. Come non può permettersi di steccare anche il Savoia, reduce dal deludentissimo pareggio di Gragnano contro il Pimonte. Contro la Mariglianese, la squadra di mister Cimmino necessita dei tre punti per continuare a sperare nel primo posto, questo è un girone in cui le big devono sbagliare il meno possibile. Il nuovo anno sembra essere iniziato sotto i migliori auspici per l’Isola di Procida che, dopo essersi aggiudicata il derby col Barano e la sfida contro l’ormai ex capolista Afragolese, va a far visita ad una Virtus Volla intenzionata a giocarsi le sue carte per mantenere la categoria. Il Casalnuovo, nonostante i due pareggi amari, vuole ritornare ai tre punti ospitando in casa un Barano che, dopo un grande girone d’andata, ha iniziato quello di ritorno col freno a mano tirato. Per quanto riguarda la lotta salvezza, le due squadre che puntano ad una risalita imperiosa dai bassifondi in cui si trovano attualmente, sono Pimonte e Real Albanova. Quest’ultima, reduce da due successi, se la vedrà contro l’Hermes Casagiove, ultimo della classe, mentre gli uomini di mister Durazzo sono impegnati sul campo della Sessana, partita con ambizioni di play off ma adesso deve assolutamente guardarsi le spalle. Stesso discorso per il Real Forio che, se non dovesse fare risultato contro il Neapolis, squadra generosa ma un po’ in ritardo rispetto alle altre per la bagarre salvezza, si ritroverebbe nelle sabbie mobili della classifica.