Grande prova di carattere della squadra di Riccio che perde la testa nel primo tempo ma nella ripresa tira l’orgoglio da grande squadra. Il Volturno fallisce un match point

Questo Montesarchio non si arrende facilmente, per mandarlo al tappeto ci vuole ben altro. Non sono bastati 2 gol di vantaggio e 2 uomini in più alla Polisportiva Volturno per effettuare il sorpasso e conquistare il 3° posto. La partita quando sembrava compromessa – tanto che nell’intervallo davanti agli spogliatoi il Presidente Nazzaro non ci credeva più ndr – il Montesarchio tira fuori l’orgoglio da grande squadra e ribalta il risultato come un calzino conquistando un punto che ha il sapore dei 3 punti e soprattutto difende la terza posizione. Il match vede subito protagonista l’arbitro Petrone (sezione di Caserta) che dimostra di avere il cartellino facile. Lo sa bene il difensore Cioffi del Montesarchio che finisce sotto la doccia dopo 10’ per un brutto intervento su Petrazzuoli. La partita non offre grosse emozioni, tranne qualche tentativo dei caudini che non impensieriscono più di tanto Di Palma. E’ passata la mezz’ora che la partita si anima ulteriormente con Abete che dopo aver beccato un giallo per un fallo dice qualche parola di troppo all’arbitro che gli mostra il rosso. Una decisione che cambia gli equilibri della partita e fa saltare i nervi al Montesarchio sotto di un gol al 41’ per un calcio di rigore (sempre contestatissimo) trasformato da Coletta. Le squadre si recano negli spogliatoi ma non manca qualche battibecco verbale tra alcuni esponenti delle due compagini che agita ulteriormente gli animi. La ripresa, s’avvia sul binario giusto per la compagine di Russo che raddoppia subito con Santoro. Ma è la consapevolezza di avere la partita in pugno a fregare i locali che permettono al Montesarchio di rientrare in partita con il rigore trasformato da Goglia. Nella circostanza, il difensore Florese becca il secondo giallo e rimane i suoi in 10. Sempre per doppio giallo poco dopo viene espulso Piscitelli del Volturno ristabilendo la parità numerica. Da questo episodio il Montesarchio prende maggiore coraggio e con un preciso colpo di testa di Polvere aggiorna il punteggio sul definitivo 2-2.

POL. VOLTURNO 2–2 MONTESARCHIO

POL. VOLTURNO: Di Palma, Di Sorbo An. (15’ p.t. Santoro), Fasci, De Vincentis, Florese, Carbone, Coppola, Coletta (20’ s.t. Iannotti), Piscitelli, Petrazzuoli (35’ s.t. Di Sorbo Ar.), Sanzari.

A disposizione: Turriccio, Ponticelli, Barricelli, Parrella.

Allenatore: Russo

MONTESARCHIO: Parente, De Vizia, Campobasso, Abete, Faraone, Cioffi, Petrone (35’ s.t. Di Blasio), Panella (38’ s.t. Luciano), Polvere, Rame (15’ s.t. Cava), Lombardo.

A disposizione: Viscione, Compare, Gagliardi, Ciardiello.

Allenatore: Riccio

Arbitro: Petrone (Caserta)

Reti: 41’ p.t. Rig. Coletta, 10’ s.t. Santoro, 18’ s.t. rig. Goglia (M), 28’ s.t. Polvere (M)

Espulsi: 8’ p.t. Cioffi (M) per un intervento duro su un avversario, 35’ p.t. Abete (M) per doppia ammonizione, 15’ s.t. Florese (V) per doppia ammonizione, 23’ s.t. Piscitelli (V) per doppia ammonizione.

Ammoniti: Di Sorbo An. (V), Di Palma (V), Carbone (V), Faraone (M), De Vizia (M), Polvere (M), Campobasso (M).