La Frattese becca anche una multa DI 1500 euro come il Portici. Squalifica anche per un dirigente dell’Ercolanese

Stamane sono state comunicate le decisioni del giudice sportivo dopo la settima giornata di campionato.

Tra le campane, 1500 euro di multa per Frattese e Portici. Nel primo caso per la rissa scatenata dai tifosi sulle tribune con gli avversari tanto da portare alla sospensione della partita per sette minuti e rendere necessario l’intervento delle forze dell’ordine. Il Portici, invece, paga gli sputi che i propri tifosi hanno indirizzo all’assistente dell’arbitro.

Non può svolgere attività fino al 1 novembre il dirigente dell’Ercolanese Roberto Nocerino per aver rivolto, si legge,  “espressioni offensive” verso l’arbitro e per tanto è stato allontanato. Faccenda simile ha riguardato il dirigente dell’Ebolitana Christian Noschese, squalificato fino al 25 ottobre.

Per la suddetta rissa, il calciatore frattese Francesco Ferrieri viene squalificato per ben cinque giornateper avere colpito con calci pugni e schiaffi il massaggiatore della squadra avversaria. La condotta avveniva durante la sospensione della gara decretata dall’Arbitro a causa di una rissa sugli spalti tra i sostenitori delle due squadre”. Nel parapiglia della gara, anche il massaggiatore del Nardò Fioretti è stato fermato fino al 29 novembre per aver colpito con calcio, pugni e schiaffi un avversario. Come Ferrieri della Frattese, anche Giovanni Liberti della Turris ha beccato cinque giornate per aver – riporta il comunicato della Lega – “a gioco fermo, urinato in direzione della tribuna ospite, rivolgendo nell’occasione gesti osceni e triviali esibendo l’organo genitale”. Ancora della Frattese, due giornate a Guglielmo Isotti.

Per poter leggere le decisioni che riguardano anche gli altri gironi, riportate nel comunicato numero 42, clicca qui.