Vantaggio ospiti con un rigore e pareggio al 2′ di recupero……

Sembrava fatta per la Vas Calcio, che a 20′ dal termine aveva trovato il vantaggio grazie ad un rigore apparso molto netto per fallo di mano in area di un difensore del Real Partenope, ma nel secondo minuto dei 4 concessi di recupero giunge il meritato pareggio dei padroni di casa.

I padroni di casa erano in formazione rimaneggiata, con parecchi assenti e panchina molto corta, tuttavia hanno sempre avuto il pallino di gioco e maggior possesso palla, con un molto ispirato Bevilacqua, ma le occasioni sopratutto nella prima frazione erano molto velleitarie a causa dell’imprecisione dei due attaccanti, gli ospiti chiudevano bene le linee di passaggio centrali ed erano pronti a ripartire in contropiede, il primo tempo si chiude sullo 0-0 e si ha la sensazione che solo una giocata di un singolo può sbloccare il risultato.

Intorno alla metà della ripresa la partita vive il suo primo momento cruciale, in una mischia in area un calciatore del Vas tocca di braccio il pallone, ma l’arbitro è ben posizionato e giudica involontario il contatto, pochi minuti dopo nell’ennesimo capovolgimento di fronte c’è lo scomposto intervento di un difensore locale che tocca il pallone con la mano (stavolta il braccio è largo e il tocco è netto), non ha dubbi la giacchetta nera e vantaggio firmato da capitan Paparo.

La rabbiosa reazione della Real Partenope è tanto immediata quanto confusa e poco incisiva, troppi leziosismi e voglia di risolverla più con la giocata personale che con trame di gioco collettive, qualche mischia ma nulla di più, ma al 47esimo in seguito all’ennesimo lancio lungo con un tiro dal limite dell’area i padroni di casa giungono a quello che tutto sommato è un pareggio giusto tra due squadre che hanno fatto intravedere delle qualità adatte alla categoria, ma che hanno ancora tanto bisogno di lavorare.