Troppo Cerignola per il Pomigliano. Derby noioso tra Frattese e Sarnese. Un coriaceo Gragnano prende un punto a Taranto

Si è spento il Potenza. Campionato riaperto, con gli uomini di Ragno che subiscono una clamorosa rimonta dal Picerno dopo essere stati in vantaggio di due reti alla fine del primo tempo. Alla fine la capolista ne prende cinque e sente il fiato sul collo delle inseguitrici. Cavese e Altamura non si lasciano scappare l’occasione. Girardi ne fa due e il Molfetta va al tappeto, con gli uomini di Bitetto che si portano a meno 1. Stesso discorso per i pugliesi, che sbancano il campo del Francavilla e ci credono alla grandissima. Il Cerignola dilaga a Volla: poker al Pomigliano con Polidori che si porta il pallone a casa, alla fine il team di Nappi contiene i danni ma resta un ko senza appelli, troppa la differenza in campo con il club allenato da Grimaldi che rientra alla grande. Un Gragnano tenace tiene a Taranto, ottimo punto per Campana e compagni, che strappano un pari d’oro. Per il resto, solo note dolenti per la campane. La Turris crolla con il Gravina, una sconfitta pesantissima che avrà sicuramente delle ripercussioni, ieri il derby noia del Vallefuoco con Frattese e Sarnese che non si fanno male e che prendono un punto che serve a poco. Tracollo anche dell’Aversa. La formazione casertana cede al fanalino di coda San Severo perdendo uno scontro diretto fondamentale, adesso il team di Marasco è in piena zona retrocessione e la situazione è allarmante. Infine, il Nardò piega il Manfredonia.