Condividi su:
La triste storia del talentuoso Luigi dal sogno dei professionisti alla lotta tra la vita e la morte
 
Avremmo voluto raccontare il sogno di Luigi che si apprestava a firmare con la compagine di Serie B dell’Avellino, che avrebbe avvicinato il giovane campione al coronamento del suo sogno, ovvero quello di diventare un calciatore professionista, invece ci vediamo “costretti” a raccontare la triste storia del giovane campione quattordicenne difensore della scuola calcio Real Parete che nel pomeriggio della vigilia di Natale è stato colpito per sbaglio da un proiettile, un sogno stroncato (speriamo solo per il momento) proprio nel momento un cui stava per realizzarsi. A Parete Luigi giocava a pallone, era una sua passione ma per molti avrebbe fatto strada visto il talento. I suoi familiari sono conosciuti; in passato gestivano un deposito di bevande, il papà è anche agricoltore. In paese si respira un clima pesante, ed anche i sui compagni impegnati in questi giorni nella Nike cup a Roma giocheranno sicuramente con la mente e con il cuore verso il loro difensore, ora il minore lotta tra la vita e la morte nel reparto di Rianimazione dell’ospedale di Caserta, dove gli è stato estratto il proiettile che ha attraversato la scatola cranica, Luigi ha riportato un vasto edema cerebrale, ed è in coma farmacologico. Speriamo presto di poter raccontare la vittoria più importante di Luigi quella che segnerà la sua vittoria sulla morte !! Auguri piccolo grande campione !!!