Condividi su:

Gruppo ultras di tifosi nolani protagonisti in negativo ieri al termine del match con il Costa D’Amalfi, vinto dai bianconeri per 2-0. Ci sono stati due arresti e alcuni di loro rischiano il Daspo

NAPOLI – Ai disordini tra tifoserie che si registrarono a fine Novembre a Mondragone e Villa Literno, oggi a malincuore dobbiamo registrare i primi episodi del 2018 che vede protagonista in modo negativo la tifoseria del Nola. Diversi individui appartenenti ad un gruppo ultras bianconero – secondo quanto riportato dalla stampa locale – presenti ieri sulle gradinate al San Martino di Maiori sono stati fermati dalle forze dell’ordine dopo alcuni disordini e tentativi di contatto con tifosi locali. Si apprende sempre dalla stampa locale che due tifosi locali sono stati arrestati, mentre circa una ventina sono stati segnalati alla Prefettura e rischiano il Daspo.

Questa mattina il Costa D’Amalfi in merito alla vicenda ha diramato una nota stampa nella quale ha preso distanza dagli atteggiamenti di questo gruppo ultras e ringraziato le forze dell’ordine e la società del Nola. Quest’ultima in merito all’accaduto ancora non hanno espresso nessun parere.

“In merito agli accadimenti di ieri pomeriggio, al termine della gara contro il Nola, ci preme ringraziare, in primis, il corpo dei carabinieri che, nonostante i facinorosi, ha evitato il peggio, in collaborazione con la Polizia Municipale di Maiori, e ringraziare anche la Società Calcio Nola 1925, per la correttezza e la disponibilità dimostrata.
Ci scusiamo con i nostri tifosi, ma purtroppo tutto ciò non è dipeso da noi, ma da un gruppo che nulla ha a che fare con la nostra idea di sport.
A Maiori abbiamo ospitato tante tifoserie, anche più nutrite, ma, tranne che per i sani sfottó che ci possono essere, non si è mai arrivati a ció. Il nostro impegno non è solo verso l’obiettivo, ma anche a farsì che le persone che vengano allo stadio possano vivere una giornata di sport, che si vinca o che si perda, e questo è lontano anni luce con la nostra visione del calcio”. 

 LA SOCIETÀ

Fc Costa D’Amalfi

Fonte foto: Facebook