Condividi su:

Molti esiti hanno rispettato i pronostici ma sono arrivati anche dei risultati clamorosi

Il rientro in campo dopo la sosta ha sconvolto leggermente l’andamento del campionato. Un andazzo che, però, non ha colpito la capolista capace di allungare a otto la striscia di vittorie consecutive. L’Albanova ha ripreso la marcia trionfale senza pietà: nell’ultimo match ben sette i gol realizzati, la conferma di una vera macchina da reti inesauribile. Subito dietro però il Villa Literno che non vuole mollare la presa. La manita esterna al Casagiove riempie di fiducia la compagine del tecnico Ulivi: il sogno Eccellenza diretta è ancora vivo nondimeno ci crede, e non poco, pure la Virtus Goti, distante una lunghezza proprio dai liternesi. Il tris fuori casa contro il buon Vitulazio lancia i sanniti a 8 vittorie di fila con allegato allungo su molte avversarie visti i risultati inaspettati. Incredibile, infatti, quanto successo al “Comunale” di Casamarciano: i padroni di casa, con una rete di Foglia al minuto 87, hanno battuto il Marcianise. Si, proprio la brigata di Di Benedetto ha perso un match straordinariamente scontato sulla carta. Prima vittoria per il fanalino di coda Casamarciano ed oltretutto, i play out sono li ad un punto. Per un posto al sole, oltre al deludente Marcianise, perdono terreno anche Gladiator e Rinascita Vico. I primi hanno perso con la Viribus Somma, una sconfitta che allontana ancora di più i posti prestigiosi mentre frenano anche i secondi della Rus Vico: solo pareggio a Trentola Ducenta con la Virtus Liburia, ma in compenso è arrivata la grande notizia del buono stato di salute del mister Luigi Sanchez. Davvero costante invece il Cimitile: la vittoria con il Puglianello ha ridato ai granata la spinta giusta, una delle poche squadre che difficilmente fa variare l’andamento a campionato in corso. A Casalnuovo, invece, il pari rocambolesco del Comprensorio Casalnuovese (dopo il doppio svantaggio), evidenzia che fino alla fine la lotta per la salvezza sarà agguerrita. Dopo la prima giornata di ritorno già tante emozioni.

Andrea Murolo