Condividi su:

Una festa trasformata in disordi dentro e fuori stadio

NAPOLI – In merito al comunicato e ai vari articoli delle testate isolane, è d’obbligo un chiarimento da parte della MAUED Sport 80144 vista la realtà dei fatti totalmente lontana da quanto letto:

– nonostante la tribuna dello stadio Comunale fosse dotata di un settore ospiti, si è deciso, insieme alle forze dell’ordine, di far accomodare i tifosi ischitani nella tribuna insieme ai nostri ‘supporter’ (genitori e familiari dei giocatori) proprio per cercare di creare un clima di festa. Cosa purtroppo mai avvenuta in quanto dal primo all’ultimo minuto (e oltre, visto quello di cui si sono resi protagonisti al di fuori dello stadio), una frangia di tifosi ha preso di mira calciatori (e ci sta, fa parte del gioco) e minacciato alcune persone presenti in tribuna (giovani e anziani senza nessuna distinzione). Al triplice fischio dell’arbitro, quello che è successo è al di fuori di ogni logica: alcuni tifosi hanno sfondato il cancello d’ingresso degli spogliatoi e solo grazie all’intervento delle forze dell’ordine presenti si è evitato il contatto con i giocatori biancorossi. Un’altra parte, appena fuori lo stadio, ha malmenato e rincorso due nostri tesserati che erano in tribuna. Gli stessi tifosi che poi, armati di spranghe e bastoni, si sono diretti verso il centro abitato con l’intenzione di creare disordini con persone del quartiere che nulla avevano a che vedere con la partita. Obiettivo pienamente centrato visti i conseguenti tafferugli avvenuti tra ‘ultras’ e abitanti del posto. In tutto questo, due tifosi isolani sono stati riconosciuti dalle forze dell’ordine;

– per quanto riguarda il clima del campo, il vittimismo e il perbenismo della società fanno a pugni con il referto arbitrale: due espulsi (uno per doppia ammonizione, l’altro per una gomitata a gioco fermo) a dimostrazione che i giocatori gialloblù i calci li hanno presi, ma li hanno anche dati;

– in tutto questo, è chiara l’intenzione della blasonata società ischitana di far passare in secondo piano il risultato del campo che dice 1-0 in favore della sconosciuta MAUED Sport 80144.

Il disprezzo che dimostrate ogni volta per il campionato che disputate e per le società che lo compongono non fa onore al blasone che tanto decantate, così come le finte notizie e le provocazioni dei comunicati che state emanando. Vi consigliamo un esame di coscienza e un bel bagno di umiltà, il passato non scende in campo.