Gragnano in vantaggio con Baratto su rigore. Nella ripresa, in dieci uomini, deve arrendersi ai pugliesi che pareggiano con D’Agostino (penalty anche per lui), poi chiudono la gara con le reti di Diakitè e Favetta

Dopo la mazzata avuta in settimana con la squalifica di Campana per ben due mesi, il Gragnano ne prende un’altra perdendo in casa per 3-1 con il quotatissimo Taranto, in piena zona playoff.

Nelle prime battute della gara non si registrano molte azioni. Al 14′ la prima occasione con Gassama che calcia in diagonale e palla larga di un po’. Al 28′ gli ospiti rispondono con una combinazione tra Favetta e D’Agostino, servizio per Lorefice ma il suo sinistro è troppo alto. Al 44′ Miele stende Mansour in area tarantina e l’arbitro assegna rigore: il difensore Baratto batte con precisione e non sbaglia.

La ripresa, cominciata con il Gragnano in vantaggio, vede la rimonta del Taranto. La svolta avviene dopo quattro minuti: D’Agostino calcia la palla indirizzata in rete ma Formisano respinge con la mano, è rigore ed espulsione. Lo stesso D’Agostino segna il penalty e il Gragnano si trova sul pari con un uomo in meno. Nel finale, Diakitè prima (all’ 82′) e Favetta (all’86’) chiudono la gara sul 3-1 per i pugliesi.  

 

TABELLINO

GRAGNANO – TARANTO 1-3

GRAGNANO (4-3-3): Giordano; Chiariello, Martone, Baratto, Formisano; Gassama, Franco, La Monica (36′ st Gatto); Mansour (8′ st Liccardi), Vincenzi (14′ st Tascone), Cioffi (18′ st Napolitano). A disp: Gallo, Montuori, Guidone, Moccia, Di Napoli: All. Russo (Campana squalificato).

TARANTO (4-3-1-2): Pellegrino; Corbier, Rosania, Miale, Cacciola (42′ st Li Gotti); Marsili, Galdean, Lorefice; D’Agostino (39′ st Capua); Favetta, Diakite. A disp: Pizzaleo, D’Angelo, Gori, Bilotta, Palumbo, Boccadamo, Giorgio. All. Cazzarò.

ARBITRO: Mattia Caldera di Como. Assistenti: Andrea Tiralongo di Siracusa – Khaled Bahri di Sassari.

NOTE: Ammonito: Miale (T). Espulso al 4′ st Formisano (G). Recupero: 2′ pt – 5′ st.