Entrambe le formazioni sono reduci da risultati deludenti e puntano alla vittoria. Probabile il divieto di trasferta per gli ospiti.

San Giorgio – Afragolese ancora una volta di fronte dopo il successo rossoblu dell’andata a firma di Antonio Del Sorbo e soprattutto dopo la semifinale playoff dello scorso anno, vinta dai granata. Una gara molto sentita da ambedue le parti anche alla luce dei non idilliaci rapporti tra le due tifoserie. La partita infatti è stata inserita dall’Osservatorio per le manifestazioni sportive tra quelle ad alto profilo di rischio e molto probabilmente vedrà la chiusura del settore ospiti, come tra l’altro accaduto all’andata (lo scorso anno si giocò perfino a porte chiuse sia a San Giorgio nell’ultima di campionato, sia ad Afragola nella semifinale playoff).

Venendo al campo, sarà una partita giocata a viso aperto da entrambe. Sia i granata che i rossoblu vogliono tornare al successo dopo l’ultimo turno in cui il San Giorgio si è arreso alla Maddalonese e l’Afragolese non è andata oltre il pari casalingo con la Frattese. 

Mister Ignudi non potrà contare sullo squalificato Viscovo, mentre Coppola dovrà fare i conti con le pesanti assenze di Del Sorbo (che sarà ancora una volta sostituito da Incoronato) e Ciano. Il tecnico ospite, vista l’assenza di quest’ultimo, potrebbe così confermare la difesa a quattro, mentre tra i pali sarà ballottaggio tra Mola e Scarano. 

Sfumata ormai la lotta per il primato, l’Afragolese punta tutto sui playoff, da raggiungere con il miglior piazzamento possibile, ovvero il secondo posto, insidiato da Casoria (a -2) e Puteolana 1902 (a -3). Il San Giorgio punta a migliorare la propria posizione in classifica, sicuramente non quella preventivata ad inizio stagione e punta ad ottenere un successo per sperare di tornare in corsa per i playoff. Dovesse andare diversamente i granata direbbero definitivamente addio alle velleità di qualificarsi per la post season.