Il baby centrocampista classe 2002 è arrivato in rossonero dopo le esperienza alla Turris e al'Afragolese

PALMA CAMPANIA (NA) - La vittoria di domenica contro il Cervinara ha permesso alla Palmese di ottenere la seconda vittoria di questo torneo di Eccellenza. I rossoneri di Aldo Papa hanno battuto i caudini con un gol di Peppe Cozzolino, sorpassandoli in classifica e issandosi al secondo posto, a -3 dalla capolista Mariglianese. La nostra redazione ha contattato il centrocampista Francesco D’Oriano, classe 2002 arrivato ad aprile dall’Afragolese, per un suo parere circa il momento della squadra e il torneo che si sta delineando.

Domenica è arrivata una vittoria importante, avete fermato il Cervinara, una delle squadre più accreditate del girone. Come valuti la prestazione della squadra, al di là del risultato finale?

“Domenica abbiamo fatto una grande partita, come hai detto tu ci siamo scontrati con la squadra più accreditata del girone. E’ una vittoria che infonde morale al gruppo e ci dà la consapevolezza di essere una grande squadra e di avere un ottimo potenziale, questo grazie al lavoro fatto precedentemente da mister Guarracino e anche a ciò che sta facendo mister Papa. Speriamo di continuare con questa striscia positiva che abbiamo iniziato domenica, non vogliamo fermarci e anzi dobbiamo arrivare il più lontano possibile”.

Per te questa è una stagione un po’ particolare: hai iniziato in Serie D con l’Afragolese, poi ti sei trasferito in Eccellenza al momento della ripresa del campionato. Ti aspettavi questo tuo passaggio di categoria?

“A luglio ho iniziato con la Turris tra i pro, poi a dicembre sono sceso in Serie D all’Afragolese. La mia è stata una scelta motivata dalla voglia di fare esperienza con i più grandi anche se alla fine a mio avviso non è stata un’esperienza delle migliori. Dopo questa piccola parentesi ad Afragola ho accettato il trasferimento alla Palmese, una società sana capeggiata da un grande presidente e che ha un ottimo gruppo di giovani ragazzi che ha tanta fame e voglia di fare bene, a parte innanzitutto da me stesso che cerco sempre di migliorarmi e dare il massimo, sia in allenamento che in partita”.

A livello fisico come ti senti? Questa nuova Eccellenza che impressione ti ha fatto e soprattutto secondo te le tue prestazioni in campo rispondono alle esigenze tecniche della squadra?

“Non è un campionato semplice quello che stiamo affrontando, bisogna migliorare partita dopo partita e stare sempre sul pezzo per raggiungere il nostro obiettivo finale. Per quanto riguarda me, sto affrontando un ottimo periodo di forma: a livello fisico mi sento bene e ringrazio mister Guarracino e mister Papa che mi stanno dando fiducia. Domenica abbiamo fatto una grande partita dal punto di vista tattico e fisico, io vengo impiegato come quinto di centrocampo – mio ruolo naturale – e sto facendo bene insieme a tutta la squadra”.

Hai parlato di obiettivo, ma qual’è l’obiettivo finale della Palmese?

“L’obiettivo della Palmese credo che sia quello di arrivare più in fondo possibile, come anche per le altre squadre del resto. Questo può avvenire solo con l’unione del gruppo e lo spirito di sacrificio e sono certo che con queste prestazioni e questo animo arriveremo lontano, dando filo da torcere a tutte le squadre che incontreremo sul nostro cammino”.