Cittadini di un'altra categoria, Iannuzzi un muro che fa anche gol. Palmiero evita un passivo peggiore, Famiano bad boy

MUGNANO DI NAPOLI (NA) - AFRO NAPOLI:

Santangelo 5.5 – Respinge corta una punizione di Famiano facendo correre qualche rischio alla sua squadra. Non sempre perfetto nelle uscite
Tomasin 5.5 – Viene adattato terzino lui che è esterno offensivo e prova a mantenersi sulla sufficienza. Paradossale come sia buona la fase difensiva e meno positiva quella offensiva. Penalizza sul voto la presenza di Famiano dalle sue parti che lo salta spesso
Velotti 5.5 – Ingenuo nell’atterrare Famiano in occasione del gol del vantaggio Marcianise
Iannuzzi 8 – Classe 2000, quindi ancora un under. Il migliore in campo di tutta la sfida, sovrasta chiunque gli passi davanti sulle palle alte, e trova anche la prima gioia con la maglia dell’Afro. Meglio di così?
Frenza 6.5 – Ha il compito di non far rimpiangere Gentile, e tutto sommato gli riesce molto bene
Cittadini 7.5 – Non butta mai il pallone, dimostra anche oggi di essere un giocatore sprecato per questa categoria. Realizza il più facile dei tap-in per il 2-1, trova uno scalino disegnato per Sogno.
Marigliano 6 – Da quest’anno tutta la squadra passerà da lui. Corre tantissimo per tutto il match, peccato che sbaglia qualche lancio di troppo. Pennella un traversone perfetto per la testa di Iannuzzi
Bruno Fernandes 6 – Un esordio senza infamia e senza lode per il neo centrocampista. Parte a mille, dimostrando una discreta forza fisica e tecnica, poi cala pian piano.
Faella 6 – Diciamo che poteva fare di più considerando la giornata horror di Di Ronza, che non lo prende praticamente mai. Sbaglia un clamoroso gol a tu per tu con Palmiero.
Padin 5.5 – Sarebbe stato ancora più negativo il voto se non fosse per la magica giocata in occasione del gol di Cittadini.
Sogno 7 – Quando parte in percussione è veramente incontenibile, gioca a sinistra come avevamo ormai immaginato, ma la sua capacità palla al piede gli permetterà di non sfigurare anche in quel ruolo. Intanto, si ricomincia da dove avevamo lasciato: rete alla prima.
All. Ambrosino 7 – Con una coperta molto corta riesce ad inventarsi cose che solo un genio della tattica come lui poteva inventarsi. Vedendo le due facce dell’Afro ci immaginiamo tutto il suo carisma negli spogliatoi a fine primo tempo che ha caricato la squadra per la ripresa. Il top player della squadra è lui

MARCIANISE:

Palmiero 7 – Evita un passivo peggiore con alcune parate a dir poco prodigiose
Federico 6 – L’ultimo a mollare. Nel finale trova le forze di arrivare sul fondo e servire ad Allegretta un cioccolatino che il numero 11 spreca.
Imbriaco 6 – Dimostra la sua esperienza tappando le falle dove c’era bisogno
Vertuccio 6 – Scelto da titolare al posto dell’indisponibile Giunta, il giovane 2001 non demerita affatto dimostrando anche una discreta personalità.
Di Ronza 4.5 – Giornata horror da dimenticare per il terzino che vede sfrecciare come treni sia Faella che Tomasin. Mister Valerio lo richiama forse troppo tardi in panchina.
Costanzo G. 5 – Non ha i piedi di Claudio, questo è sicuro. Schierato a centrocampo come “co-regista” al fianco di Colella, sbaglia tantissimo e dimostra ancora una condizione non eccelsa
Colella 6.5 – Un guerriero. Corre, lotta, recupera, imposta. Il migliore dei suoi senza alcun dubbio
Pasquariello 5.5 – Come Vertuccio, anche lui sfrutta l’assenza del suo compagno Delli Paoli per trovarsi titolare indiscutibile del centrocampo. Rimandato, ma non bocciato.
De Filippo 5 – Ha due occasionissime nitide sul piede destro che potrebbero far sicuramente pendere l’ago della bilancia dalla parte del Marcianise. Entrambe vengono sprecate, con il pallone lisciato in entrambe le occasioni
Famiano 5 – Vince il premio Bad Boy di giornata. Passano 27 secondi e subito inizia una questione con il terzino Tomasin che lo provoca, alla prima occasione utile lo falcia con un’intervento da arancione. Si riprende la scena facendo parlare la sua qualità, trovando il primo tiro in porta della partita su punizione e disegnando calcio in occasione del gol del vantaggio. Nella ripresa fa subentrare nuovamente l’isteria, e decide di protestare vistosamente con l’arbitro che decide così di mandarlo negli spogliatoi anzitempo.
P.Allegretta 6 – Guadagna la sufficienza grazie al gol fortunoso del momentaneo vantaggio, ma perde mezzo voto con il clamoroso gol che poteva riaprire la sfida.
All.Valerio 5 – Una domanda che ci siamo posti tutti, ma la risposta è giustamente la stessa che ci siamo dati tutti: perché insistere su Famiano per tutta la sfida dopo averlo visto nervoso? Perché è l’uomo con il piede più delicato della squadra. Una è però la domanda senza risposta: perché non togliere prima dal match gente come Costanzo e Di Ronza dopo averli visti molto sottotono? Chissà come sarebbe andata