L'intervista completa al patron biancoceleste Vincenzo Gallo che, oltre a raccontarci la situazione in casa Marcianise a 360°, ha annunciato una conferma importante in società

MARCIANISE (CE) – Dopo la straordinaria doppietta Coppa e campionato, il Marcianise è pronto a mettere piede in Eccellenza. Ai nostri microfoni il presidente Vincenzo Gallo che ci spiega quali sono le intenzioni del club a poche settimane dai grandi successi in Promozione:

Ci siamo incontrati e abbiamo gettato le basi del futuro del Marcianise. Siamo momentaneamente fermi sul mercato perchè stiamo aspettando le conclusioni dei play-off e play-out che incidono molto. La cosa più importante che stiamo facendo è quella di capire chi può far parte del progetto per il prossimo anno, e soprattutto capire chi ne vuole far parte. Ci stiamo attivando, la nostra intenzione è confermare il 70% dell’organico e la settimana prossima faremo sicuramente qualche annuncio di conferma. I discorsi adesso poi potrebbero essere inutili visto che le liste si apriranno il 1 luglio, l’accordo verbale vale poco. 2 anni fa abbiamo annunciato dei giocatori per poi vederli sfumare nei giorni successivi. Preferiamo quindi non dire nulla che non sia certo. Siamo una società che lavora su programmazione, non faremo investimenti assurdi: l’obiettivo è fare un campionato tranquillo e degno della piazza. Ciò non significa che ci dobbiamo solo salvare, non ci poniamo limiti. Per quanto riguarda la questione del mister Angelo Valerio, farà sicuramente parte del progetto tecnico per quanto riguarda le nostre intenzioni in società.

Il momento più bello di questa stagione è stata la vittoria in Coppa, soprattutto nella semifinale contro il S.Antonio. Bellissime partite sia all’andata che al ritorno, con la gara che si è sbloccata solo su calci piazzati. Con l’Angri è stata una gara dominata, la vera finale è stata quella con i giallorossi.

I tifosi si stanno riavvicinando rispetto agli altri anni. Abbiamo portato 400 sostenitori in trasferta nel match di Casalnuovo, numeri che poche società fanno in Promozione”.

A cura di Andrea Murolo