Il tecnico rossoblù: "Vittoria importante, grazie ai miei ragazzi. Peccato non avere Maggio contro l'Afro". L'allenatore isolano Di Meglio: "Buona prima mezzora, non bisogna fallire gli scontri diretti"

AFRAGOLA (NA) - Al termine di Afragolese – Barano, terminata 2-0 in favore dei padroni di casa, sono intervenuti i due tecnici, Masecchia e Di Meglio, il diesse rossoblù Stiletti e il vicepresidente afragolese Fontanella.

Ecco le loro dichiarazioni:

Mister Afragolese Giovanni Masecchia: “Alla fine abbiamo meritato di vincere, anche se abbiamo peccato un po’ nell’approccio alla gara. Siamo una squadra molto tecnica e che deve fare la partita, quindi siamo un po’ andati in difficoltà. Complimenti al Barano che ha disputato un’ottima partita. Gare facili non esistono, guardando la classifica. Siamo noi che dobbiamo essere bravi a farle diventare facili. La squadra mi sta seguendo da 20 giorni ed inculcare le mie idee non è facile, però ci godiamo questa vittoria davanti al nostro pubblico ed è giusto che i ragazzi vengano elogiati. Sinceramente non mi era mai capitato di avere una squadra che mi segue su tutto dopo soli 20 giorni con tanto spirito di sacrificio. Addirittura c’è qualcuno che è in difficoltà e che sta stringendo i denti con grande voglia per dare una mano. Vittoria meritata e andiamo avanti pensando già all’Afro Napoli, un match che affronteremo senza Maggio. Dispiace per il ragazzo, che stiamo recuperando dal punto di vista psicologico. Il gol di oggi gli ha fatto bene. La classifica? Non la guardo e non mi interessa cosa fanno i nostri avversari. Dobbiamo solo pensare a vincere quante più partite è possibile”.

Tecnico Barano Giovan Giuseppe Di Meglio: “Sono soddisfatto della prestazione dei miei ragazzi, che hanno disputato un’ottima prima mezzora durante la quale non siamo riusciti a sbloccare il risultato, poi è venuta fuori la qualità dell’Afragolese. La nostra è una squadra molto giovane che non deve assolutamente fallire gli scontri diretti. Domenica avremo una partita importantissima con la Puteolana che non dovremo sbagliare”.

Diesse Afragolese Orlando Stiletti: “Il Barano è una squadra ostica che darà filo da torcere a tutti. Ad inizio partita eravamo un po’ in difficoltà, poi credendo in noi stessi abbiamo avuto tante occasioni ghiotte. L’importante è che la squadra c’è, è viva e gioca e questo risultato ci fa ben sperare per il futuro. Ogni partita per noi sarà una finale, tutte da giocare con grande intensità. Tutte le squadre sono affamate e noi non dobbiamo mollare un centimetro. Inizia ora un tour de force con Afro Napoli, Albanova e Gladiator dal quale bisogna uscire con meno danni possibili, cercando di fare tanti punti. Diremo la nostra fino alla fine”.

Vicepresidente Afragolese Nicola Fontanella: “È fondamentale l’appoggio delle istituzioni per una società di calcio. Già a partire dalle categorie dilettantistiche una società che vuole emergere dovrà strutturarsi ed avere le basi per raggiungere il nostro obiettivo, ovvero il salto di categoria. Questo progetto nasce da lontano. Il presidente Niutta mi ha subito contagiato. C’è stata subito un’unità di intenti, perché Afragola deve tornare ai fasti di un tempo, come era in passato: uno dei poli del calcio in Campania. Puntiamo a creare una società modello e bisogna dare un input al nostro territorio per far crescere il brand Afragolese anche fuori dai confini comunali, dotandoci di una struttura societaria di livello”.