Il diniego del Papa a due giorni dal match con il Barano è un provvedimento che penalizza un club in maniera assurda. La politica del calcio deve andare in soccorso dei viola e rinviare il match

NAPOLI - La Figc rinvii la gara del Casoria. Il provvedimento iniquo, improvviso e “vendicatorio” del sindaco di Cardito ha prodotto un danno enorme alla società viola, in primis la gara con il Barano in programma sabato 2 marzo alle ore 15. Togliere lo stadio due giorni prima è un atto da condannare, nessuno vuole entrare nella sfera del sindaco di Cardito, ma poteva essere notificato molti giorni prima. Adesso è un danno pazzesco per i viola e la politica del calcio deve venire in soccorso di un proprio figlio: il Casoria va tutelato e la gara con il Barano va rinviato. Speriamo che la politica del calcio arrivi dove non è arrivata la politica, non falsiamo il campionato e diamo la possibilità al club viola di giocare la partita con il Barano serenamente.