Le vespe rischiano poco e creano discretamente nella prima uscita in campo della stagione 2022/23. Esordio da non dimenticare per Guarracino, che prende la fascia da capitano

PESCOCOSTANZO (AQ) - Termina con un successo per 3-0 la prima uscita stagionale della Juve Stabia. In quel di Pescocostanzo le vespe hanno superato nel primo test estivo dell’era Colucci il Delfino Curi Pescara, club militante nel campionato di Eccellenza abruzzese.

Mister Colucci sceglie per il primo fischio d’inizio un gruppo composto prevalentemente da atleti già presenti dalla scorsa stagione nell’organico gialloblù, fatta eccezione per Ricci, Maselli e Pandolfi. Non si lascia intimorire dagli avversari il Curi, che al 6′ crea la prima vera ghiotta chance della giornata con Bruno – il quale dall’interno dell’area di rigore spara fuori da buona posizione. Le vespe crescono con i secondi e si rendono pericolose prima con un diagonale di Pandolfi, parato a terra da Calore, e poi con un colpo di testa alto di poco di Dell’Orfanello su assistenza di Ricci. È proprio l’ex Potenza a mettere la firma sulla prima rete della Juve Stabia al 39′, ricevendo da Scaccabarozzi sui sedici metri, liberandosi della marcatura di due avversari con un gioco di gambe e facendo partire un diagonale che trafigge il portiere avversario. Due minuti più tardi si aggiunge alla festa anche Bentivegna, il quale raccoglie nei pressi del palo di sinistra la sfera dopo un tentativo di giocata di Pandolfi in area ed in mezza girata firma il 2-0.

Si chiude sul doppio vantaggio un primo tempo dalla buona intensità da parte di entrambe le formazioni, pronte al contatto fisico per rubare il possesso agli avversari. Diverse le note positive in casa gialloblù, dalla prova di Ricci ai movimenti in profondità di Bentivegna e Pandolfi. Sorprende, in piccola parte, la posizione molto alta di Dell’Orfanello, pronto ad attaccare la corsia sinistra lasciata libera da Bentivegna – spostato leggermente verso il limite dell’area di rigore in fase di sviluppo dell’azione. Più volte gli uomini di Colucci hanno cercato di avanzare sugli esterni o con lanci lunghi dei due difensori centrali, sia per dare maggiore dinamicità alla manovra che per la grande densità costruita al centro dal Delfino Curi.

Nella ripresa cambia quasi tutto mister Colucci, lasciando in campo dell’undici titolare solo Maselli – ottimi segnali anche da parte sua nella gestione della sfera, anche se pressato, e nella lettura del gioco necessaria per servire al meglio il compagno. Il ritmo del Curi si abbassa notevolmente, permettendo a Sarri di dormire sogni tranquilli; dal centrocampo in su cercano di mettersi in mostra con esplosività subito D’Agostino (schierato a centrocampo) e Barlafante. A siglare la rete del 3-0 definitivo è però Mariano Guarracino al 65′. Fresco di fascia di capitano ricevuta da Tonucci ad inizio secondo tempo (traguardo storico per il talento gialloblù, il quale ha indossato la fascia in ogni rappresentativa della Juve Stabia dall’Under 15 alla prima squadra), l’attaccante si è guadagnato e ha poi trasformato un calcio di rigore per atterramento causato da Candeloro. Il tris ha permesso alle vespe di giocare con ancor più tranquillità, sfiorando il poker con Carbone di testa, Della Pietra – annullato il suo 4-0 per fuorigioco – ed infine Barlafante.

Il triplice fischio consegna, dunque, dati importanti a mister Colucci. La Juve Stabia tornerà ora in campo il prossimo giovedì, quando l’avversaria sarà il Vastogirardi.

 

 

 


TABELLINO DELL’INCONTRO

JUVE STABIA (4-3-3): Russo (46′ Sarri); Peluso (46′ Boccia, 84′ Picardi), Tonucci (46′ Matino), Caldore (46′ Vimercati), Dell’Orfanello (46′ Todisco); Scaccabarozzi (46′ Carbone), Maselli (73′ Schiavi), Altobelli (46′ D’Agostino); Ricci (46′ Barlafante, 84′ Balzano), Bentivegna (46′ Guarracino), Pandolfi (46′ Della Pietra).

A disposizione:

Allenatore: Leonardo Colucci


DELFINO CURI PESCARA (4-3-3): Calore; Mattella, Lupo, Cipolletti, Dell’Elce; Bregasi, Marzucco, Di Giovacchio; Bruno, Shyti, Palmisano.

A disposizione: Candeloro, Di Giovanni, Sabatini, Paolilli, Tamboriello, Gobbo, Di Stefano, Giannini, Samuele, Paolucci, Gatti, Testa, Salvatore.

Allenatore: Guglielmo Bonati


RETI: 39′ Ricci (J), 41′ Bentivegna (J), 65′ rig. Guarracino (J)

AMMONIZIONI: /

ESPULSIONI: /