Il neo allenatore della compagine avellinese è intervenuto ai microfoni di CF

AVELLINO “Adesso è ufficiale, sei il nuovo allenatore del San Tommaso. Una sorpresa se vogliamo viste le altre compagini in lotta per la promozione, te lo aspettavi?”

Il San Tommaso ha certamente meritato la vittoria del campionato, onestamente è stata una lieta sorpresa. Oltretutto era anche una neopromossa quindi il doppio salto di categoria evidenzia tutto il grosso lavoro fatto dalla società e dallo staff.

Ci sono state voci che volevano altre figure alla guida del San Tommaso, il tuo approdo al grifone com’è nato?”

Ci sono stati dei contatti che andavano avanti da un po’. La società voleva tenere Messina, come giusto premio per un’annata straordinaria. Purtroppo però gli impegni lavorativi di quest’ultimo non coincidevano col ritmo della Serie D e quindi la governance ha preso un’altra strada. Sono felice di poter guidare una panchina molto ambita. Le nostre partite saranno disputate a Pratola Serra, ma è ancora tutto in bilico, ancora tutto da stabilire. 

“Facciamo un passaggio al tuo recente passato. Il Nola, tua ex squadra si è salvata ai playout, che ne pensi?”

Per me il Nola ha meritato la salvezza, ma allo stesso tempo c’è dispiacere per la Sarnese, Nola e Sarno sono 2 realtà molto vicine, ma il calcio è così e sono comunque contento che il Nola si sia salvato perché vuol dire che l’obiettivo di inizio stagione è stato raggiunto.

“La rosa del San Tommaso ha appena vinto un campionato, credi che possano essere in grado di sostenere il salto di categoria?”

Io penso che una società che vince il campionato, a maggior ragione se la società stessa è quella che ha impiegato più giovani di tutti per me almeno sotto l’aspetto degli under siamo coperti. Possiamo lavorare bene coi giovani che abbiamo, che costituiranno una solida base. Poi logicamente ci saranno degli innesti di giocatori funzionali al progetto tecnico.

“A proposito di over, il San Tommaso aveva un certo Pasquale Carotenuto. calciatore della sua importanza, che ha dato così tanto, credi possa restare?”

Questa cosa deve essere ancora stabilita con la società, non abbiamo ancora affrontato il discorso Carotenuto. Se sarà funzionale al progetto, ben venga.