Il tecnico dei rossoblù è intevenuto sulle nostre colonne, elogiando i suoi ragazzi, analizzando il cammino svolto fino ad adesso e chiarendo quale siano gli scenari che si aspetta dal mercato

Tempo di mercato, tempo dunque di analisi e valutazioni per le società. Un mercato che può essere producente e di rinforzo, ma anche controproducente e distruttivo allo stesso tempo. Il tecnico Massimiliano Varriale, protagonista della splendida cavalcata dello Sporting Campania Barra, continua a rimanere fiducioso in vista del prossimo futuro, riponendo piena stima nel suo gruppo, e nel lavoro che stanno svolgendo in queste ore di mercato i direttori Manzella/Paladino. Ecco le considerazioni del tecnico rossoblù, intervenuto stamane sulle nostre colonne:

Con il mercato di riparazione entrato oramai nel vivo, cosa si aspetta da esso, ha qualche pretesa in particolare?

“Per adesso non ci sbilanciamo sul mercato e su cosa verrà, rimaniamo vigili su di esso, ma abbiamo al momento un gruppo abbastanza compatto e non intendiamo assolutamente intervenire a caso. Se ci dovessero essere delle opportunità importanti, le valuteremo, ma posso assicurare che chiunque verrà sarà perchè crede realmente nel progetto, andando a rinforzare ulteriormente l’equilibrio che abbiamo creato in questi mesi. Infatti Ottaiano, è un ragazzo che ho già avuto il piacere di allenare la scorsa annata, e fa della duttilità il suo forte, quindi il suo acquisto va ad infoltire ulteriormente la rosa, potendo fornire più soluzioni e geometrie a tutto il gruppo. Personalmente, quello che più desidero da questo mercato, è la riconferma di tutto il gruppo. Come già ripetuto più volte, ho a disposizione un gruppo di uomini fantastico, che ha costruito fino ad adesso un cammino da applausi, si allena con dedizione e massimo impegno, in ogni singola seduta di allenamento ed assimila di volta in volta le mie idee, dunque i colpi più importanti, personalmente, sarebbero le riconferme. Poi, ovviamente, il mercato, come sappiamo, non da mai certezze, ed io comunque ho piena fiducia e stima dei direttori Manzella e Paladino, che lavorano in modo attento ed ordinato ogni giorno, mi fido ciecamente di loro”

Dopo gli episodi con l’Atletico Sorrento, che hanno in qualche modo, caratterizzato il vostro ambiente nelle ultime settimane, il gruppo ha risposto da vera squadra domenica scorsa, andando a vincere in trasferta con il Massa Lubrense. Può essere questo uno dei più grandi motivi che sottolinea la straordinaria compattezza e forza di tutto il gruppo?

“Assolutamente si, questi sono valori che vengono da un gruppo solido, compatto, che non si destabilizza dinanzi a futili polemiche esterne, atte magari a destabilizzare l’ambiente. Per questo motivo, i miei ragazzi meritano parole di elogio e rispetto, stiamo facendo un campionato straordinario, senza esserci posto nessun obiettivo, se non quello di lottare e sudare la maglia domenica dopo domenica. Continuiamo dunque il nostro percorso senza fare nessun tipo di proclami ed a fari spenti, filosofia, che, tra l’altro, portiamo avanti da inizio stagione.

Il prossimo avversario in campionato è il Marano, quali possono essere le maggiori insidie e cosa si aspetta da questa partita?

“Questo è un girone molto agguerrito, dove ci sono tantissime squadre qualitativamente attrezzate. Il Marano è sicuramente una squadra ostica, che ha uno score particolarmente positivo in trasferta, e che molla difficilmente la presa, ci sarà dunque da battagliare per tutti e novanta minuti di gioco. Ci stiamo preparando per affrontare un’altra difficile partita, che disputeremo con il solito atteggiamento e la solita determinazione che abbiamo messo in campo fino ad adesso. Rispettiamo ogni avversario che ci troviamo di fronte ogni settimana, senza assolutamente sottovalutare nessuno, dal primo sino all’ultimo”.