L'intervista all'ormai ex allenatore della Virtus Liburia Lello Cottuno, che ci racconta le sue sensazioni dopo una stagione non facile

Dopo un anno pieno di difficoltà terminato con la sconfitta play-out con la Virtus Liburia, è tempo di ambire a nuovi progetti per il mister Lello Cottuno. Con il mercato ormai alle porte, l’allenatore è pronto ad inserirsi in una nuova realtà. Ecco le sue parole:

“Dopo un mese di silenzio e di assoluto riposo sia fisico che mentale, con forze fresche aspetto sempre alla finestra del calcio un nuovo ciclo con tanta motivazione. Mi sento più forte di ieri, tante esperienze sia positive che negative ti vanno a formare come allenatore. La mia carriera è iniziata 11 anni fa proprio dalla Prima Categoria, dove il presidente Vincenzo di Sarno mi affidò la squadra. Fu un inizio come allenatore molto positivo visto che arrivammo a giocarci il campionato con il grande Capua del presidente Avanzo. Il mio debutto in Eccellenza con il Parete, e tanto lavoro in numerose società come Vitulazio, Sant’Arpino, Mondragone, Villa Literno e Virtus Liburia. Mi sento pronto e libero, ho ancora tanto da dare, aspetto la chiamata giusta. Penso che il calcio oggi è diventato sempre più difficile, credo che vanno riconosciute le cose buone fatte. Questo sport è innovazione, cerco di migliorarmi negli aggiornamenti per studiare nuove metodologie e apprendimenti tattici necessari per le categorie”.

A cura di Andrea Murolo