Quarantacinque minuti d’oro non bastano ai corallini che subiscono nel secondo tempo la rimonta dei baresi, i galletti ora allungano in classifica

BARI La Turris vive un tempo da assoluta padrona in quel di Bari, ma la ripresa è un incubo, i corallini si disuniscono e un possibile trionfo diventa tempesta al San Nicola.

Il mister schiera il solito 3-4-3 con Perina tra i pali, difesa composta da Esempio, Di Nunzio e Manzi. Centrocampo con Franco e Tascone supportati da Loreto e Varutti, attacco invece nelle mani di Leonetti e Giannone a supporto di Santaniello.

La Turris parte a bomba e tiene dietro il Bari con un gioco molto rapido e pericoloso e infatti all’8’ trova lo 0-1 con Giannone, l’azione passa da destra a sinistra, Varutti mette in mezzo e trova il fantasista corallino che di sinistro insacca nell’incrocio dei pali. Il Bari sale in cattedra, prima con Pucino che però non sfrutta un piazzato da buona posizione e successivamente Di Cesare che di testa sfiora il palo. La Turris però non regge la manovra dei pugliesi e al 20’ arriva l’1-1, Cheddira supera Loreto con un ottima finta di corpo, si gira e insacca Perina che può farci poco sul tiro dell’attaccante ex Mantova. I corallini però ritrovano la via, tornano a schiacciare il Bari dietro e dimostra un calcio di altissimo livello, gli sforzi sono premiati e al 36’ dopo vari tentativi finiti sul fondo, Leonetti trova la rete, ancora una volta l’azione passa da destra a sinistra, Esempio è l’assistman che con un cross rasoterra trova Leonetti che di prima intenzione gira in rete. Il Bari prova a reagire con Scavone, senza però impensierire Perina, poi Cheddira che però non trova la porta.

Nella ripresa per i pugliesi entra Marras, che da imprevedibilità alla manovra barese e infatti dopo 17 secondi dall’inizio della ripresa, arriva il pareggio dei padroni di casa, Botta mette in mezzo e trova D’Errico che tocca e beffa Perina, 2-2. Il Bari capisce che la Turris è in difficoltà e si getta in avanti e al 55’ arriva il sorpasso, Botta calcia dal limite e trova la deviazione di Manzi, sulla ribattuta va Scavone che si coordina e insacca per il 3-2. La Turris sembra aver subito il colpo e al 64’ Di Nunzio compie un fallo da ultimo uomo su Cheddira, per l’arbitro non ci sono dubbi e alza il rosso diretto. I corallini non riescono a trovare la quadra, escono Santaniello e sorprendentemente Giannone per Bordo e Lorenzini. Al 70’ però arriva l’opportunità per gli ospiti, Loreto entra in area e scarica per Tascone, il numero 17 calcia di prima intenzione ma trova Terranova che sulla linea di porta che salva tutto in tackle. Lo stesso Terranova sei minuti più tardi chiude i giochi per i corallini, il centrale difensivo su cross di Botta insacca per il 4-2 barese. Dopodiché la partita è combattuta solo grazie al nervosismo delle due squadre e dopo cinque minuti di recupero l’arbitro manda tutti sotto la doccia.