Partita dai due volti per le vespe, nella ripresa il reparto offensivo è stato quasi inesistente

CASTELLAMMARE DI STABIA (NA) - Altra prestazione da dimenticare per la Juve Stabia, ma i giocatori non sono gli unici responsabili:

Dini 6 – Forse uno dei pochi che merita la sufficienza. Non può nulla sul tiro di Reginaldo, troppo angolato anche per lui.

Esposito 5 – In netta difficoltà quando lo punta il suo omonimo. In fase difensiva si vede qualche sbavatura di troppo e in quella offensiva non riesce a proporsi con pericolosità tranne per quella occasione di testa dagli sviluppi di un calcio d’angolo. (Evacuo s.v.)

Troest 5,5 – Tiene botta fin quando può, anche con un ottimo intervento nella ripresa anticipando sia Dini che Reginaldo in una situazione complicata, ma poi nel finale perde qualche duello di troppo.

Caldore 5,5 –Anche lui in affanno quando Parigi e Reginaldo gli girano intorno. Quando si gioca in una sola metà campo la lucidità difensiva diminuisce.

Dell’Orfanello 5,5 – Benino per tutto l’arco della partita, con qualche buona manovra offensiva in combinazione con Bentivegna e Stoppa. Nel secondo tempo si perde il lancio in profondità per De Cristofaro che porta al vantaggio della leonessa.

Scaccabarozzi 5,5 – Buon primo tempo ma nella ripresa il pallone non riesce più a girare con quella fluidità richiesta da mister Sottili. (Schiavi 5 – Non riesce a dare brillantezza alle manovre stabiesi, finisce come terzino destro).

Altobelli 6 – Uno dei pochi che quanto meno ci prova. Suo l’unico tiro in porta della Juve Stabia nella ripresa.

Ceccarelli 5 – Buono il suo cross al 14′ quando arriva la doppia occasione da gol delle vespe, poi il nulla. (De Silvestro 5,5 – Quanto meno è stato più vivace di Ceccarelli, ma non è bastato per dare la scossa alla squadra).

Stoppa 5 – Decisamente un passo indietro (se non 2) nelle ultime partite. Anche quest’oggi non riesce a trovare il guizzo e lo spazio per far male la retroguardia avversaria. Sottili pensa che sulla fascia può essere più pericoloso; allerta spoiler: non è stato l’unico errore del tecnico gialloblu.

Bentivegna 5,5 – Qualche giocata ma non utile alla causa. In fase difensiva si impegna ma in quella offensiva si iscrive anche lui alla bocciatura di tutto il reparto. (Davì 5 – Entra come trequartista, prima volta in tutta la sua carriera e prestazione altamente sotto la sufficienza).

Eusepi 5,5 – Incomincia con la solita voglia di recuperare il pallone e di metterlo a disposizione dei compagni, ma la retroguardia rossoblu sa come contenerlo. Non rientra inspiegabilmente in campo nella ripresa. (Della Pietra 5 – Per i difensori di casa diventa una passeggiata marcarlo).

 

Stefano Sottili 4,5 – Vero che nelle ultime gare è mancata la prestazione ma lui ci mette del suo con i suoi cambi. La sua squadra aveva dimostrato di poter creare occasioni di gioco nel primo tempo, ma l’ingresso di Della Pietra e Davì nella ripresa ha semplicemente smantellato un intero reparto offensivo facilitando il gioco del Picerno. Chissà cosa avesse in mente.