Una Turris sciupona nella ripresa si accontenta del pari a Taranto, i corallini si tengono stretto il punto e gli occhi ora vanno alla sfida di sabato contro il Monopoli

TARANTO - In una rovente serata pugliese di fine agosto Taranto e Turris si dividono equamente la posta in palio, i corallini però hanno qualcosa da recriminare soprattutto nel secondo tempo dove Bordo si è visto più volte negare la gioia del gol solo da salvataggi provvidenziali, anche se da lavorare per gli uomini di Caneo c’è ancora tanto.

Il mister sardo non tradisce le probabili formazioni e schiera un 3-4-3 prettamente offensivo con Perina tra i pali, terzetto di difesa composto da Loreto, Lorenzini e Varutti. Centrocampo con Bordo e Tascone supportati da Nunziante e Ghislandi, fantasie nelle mani di Leonetti e Giannone al servizio della punta Santaniello.

Pronti via è la Turris che prova a prendere la partita in mano ed è Bordo a suonare la carica con il primo tiro dalla distanza che viene deviato da Chiorra, successivamente è Giannone a tentare la fortuna ma la palla si spegne sul fondo. Il Taranto prova a mostrare i muscoli e dal 25′ in poi prende le iniziative, prima con Marsili che spedisce alto da fuori area e poi Benassai che al 40′ impatta di testa da corner e centra la traversa, prima del fischio di chiusura arriva un altra chance per i padroni di casa con Diaby ma la palla si spegne sul fondo.

Secondo tempo dove la Turris riprova a prendere il gioco in mano, gli uomini di Caneo alzano il baricentro e non di poco schiacciando i pugliesi nella propria metà campo, le occasioni però sono poche anche perchè i corallini palleggiano tanto e trovano pochi spazi liberi, al  56′ Esempio da calcio d’angolo si trova l’opposizione di Ferrara a pochi centimetri dalla linea di porta, pochi secondi dopo invece è Ghislandi che di testa non trova lo specchio, i campani spingono e Bordo ci riprova ma è monumentale la respinta di Chiozza che strozza l’urlo di gioia degli ospiti. Caneo effettua il primo cambio mandando dentro Pandolfi per Leonetti , ma è di nuovo Ghislandi a sfiorare la rete sempre da colpo di testa e anche stavolta palla alta, arriviamo al 73′ quando entra Pavone per Santaniello e dopo qualche secondo arriva la palla gol sui piedi di Pandolfi che sfrutta l’ottima torre di Giannone, l’attaccante ex Brescia però tira debolmente e Chiozza ringrazia, all’88’ è ancora Bordo che si coordina da fuori ma stavolta a negargli la gioia è Italeng che si lancia sulla palla e leva la sfera dall’angolino. Forcing finale dei corallini nel recupero che non sfruttano però i calci d’angolo a disposizione chiudendo dunque ogni speranza di vittoria quando al 94′ l’arbitro sancisce la fine dell’incontro.

Una Turris timida nel primo tempo mentre più aggressiva nel secondo che però non basta, Caneo l’aveva detto che la squadra era solo ad un buon 60% e cosi è stato, testa ora a sabato quando arriverà il Monopoli a Torre del Greco affamato dopo la vittoria odierna.

IL TABELLINO:

TARANTO (4-3-3): Chiorra; Tomassini, Zullo (28’st Granata), Benassai, Ferrara; Civilleri (25’st Bellocq), Marsili, Diaby (44’st Labriola); Versienti (25’st Giovinco), Saraniti, Longo (29’st Italeng). All: Laterza. A disp: Loliva, Antonino, De Maria, Mastromonaco, Cannavaro, Labriola, Santarpia, Ghisleni.

TURRIS (3-4-3): Perina; Esempio, Lorenzini, Varutti; Ghislandi, Bordo, Tascone, Nunziante (38’st Giofré); Giannone, Santaniello (30’st Pavone), Leonetti (13’st Pandolfi). All: Caneo. A disp: Abagnale, Colantuono, Manzi, Longo, Di Nunzio, Palmucci, Iglio, D’Oriano.

ARBITRO: Giordano di Novara.

NOTE: ammoniti Tascone, Ghislandi. Spettatori: 4 mila circa, di cui 50 ospiti.