La Casertana sbanca il "Lamberti" dopo una gara sofferta grazie soprattutto all'ottima prova del portiere Avella

CAVA DE' TIRRENI (SA) - Voto alto per il match winner Carillo e il portiere Avella negli ospiti, tra i più positivi per i padroni di casa i centrocampisti Cuccurullo ed Esposito.

CAVESE

BISOGNO (voto 6): Gara tutto sommata tranquilla la sua, viene raramente chiamato in causa e quando accade blocca con estrema sicurezza. Non può nulla sul colpo di testa ravvicinato di Carillo.

TAZZA (voto 6): Buona prova dell’esterno difensivo che appare attento in fase difensiva e molto propositivo in fase offensiva. Serve diversi cross interessanti tra cui quello sprecato da Germinale risultando tra i più positivi dei suoi.

MATINO (voto 6): Il difensore non vive una giornata particolarmente complicata complice la prova incolore degli attaccanti avversari. Gestisce bene le, poche, sortite offensive avversarie tenendo a bada i propri avversari mettendoci forse troppa foga in qualche circostanza.

DE FRANCO (voto 5): La sua era stata una prova sufficiente fino a cinque minuti dalla fine, quando si perde Carillo che lo infila decidendo le sorti del match. Gioca bene dietro non soffrendo mai peccato per quella sbavatura nel finale che gli costa la sufficienza ed un punto che avrebbe fatto comodo in chiave classifica.

SEMERARO (voto 5,5): Il giovane terzino cerca di contenere i suoi avversari ma è dalla sua parte che la Casertana affonda di più. Si limita a compiti difensivi dando spesso la sensazione di non essere tranquillo sbagliando, soprattutto nella prima parte, passaggi all’apparenza semplici.

FAVASULI (voto 5): Gara sottotono per il capitano bleufoncé, non riesce a dare le giuste geometrie giocando una gara anonima non riuscendo mai ad incidere sul match come ci si sarebbe aspettato da lui. Dal 67′ POMPETTI (voto 5): Entra per dare equilibrio al reparto centrale ma non riesce nel compito richiesto collezionando nel finale una ammonizione decisamente evitabile.

CUCCURULLO (voto 6,5): Il migliore dei suoi, dà quantità e corsa al reparto centrale recuperando una grande mole di palloni a volte anche in bello stile. Spesso si propone anche in avanti dimostrando una lucidità non comune aiutando i compagni quando raddoppiati. 

ESPOSITO (voto 6): Un match decisamente positivo per la mezz’ala di mister Maiuri, fa tanta legna nel mezzo bloccando spesso le iniziative avversarie dando copertura alla difesa in fase di non possesso. Nella ripresa prova la gran botta da fuori ma viene fermato solo da un grande intervento di Avella. Dall’80’ MATERA SV

SENESI (voto 5): Da un esterno con le sue qualità ci si aspetta sempre qualcosa in più e invece in poco più di un’ora riesce a mettere a referto solo un tiro in porta e poco altro. Appare troppo fumoso e poco concreto. Dal 67′ VIVACQUA (voto 5): Entra per dare sostanza al reparto avanzato ma non la vede mai viene inghiottito dalla confusione tattica del finale di gara risultando impalpabile.

GERMINALE (voto 5): È encomiabile per la sua generosità e per come si batte con i difensori avversari ma ha sulla coscienza l’occasione più importante della partita, un colpo di testa da pochi passi mandato incredibilmente alto. Dalla sua ha una forma fisica non ottimale ma quel pallone finito alto a fine gara è pesato come un macigno. Dal 60′ DE ROSA (voto 5,5): Anche per lui forma fisica precaria, il capitano ci mette impegno e fa tanto movimento molto spesso non capito dai compagni. Ha una buona occasione a poco dalla fine ma calcia male e il suo pallone strozzato finisce a lato.

RUSSOTTO (voto 5,5): Nel primo tempo è il più pericoloso dei suoi ma prima un colpo di testa rivedibile poi un grande intervento di Avella gli negano la gioia del gol. Nella ripresa scompare dal campo e neanche l’ingresso del capitano gli ridà vivacità chiudendo una seconda parte sotto traccia.

MAIURI (voto 6): La Cavese appare ordinata tatticamente e propositiva, paga un reparto offensivo non in condizioni ottimali e un Avella messosi di traverso tra lui e la vittoria ma la squadra sembra aver recepito i dettami del tecnico ex Sorrento.

CASERTANA

AVELLA (voto 7): Se la Casertana porta via tre punti pesantissimi è soprattutto grazie a lui. Compie quattro interventi salva risultato volando da grande portiere, la sua è una giornata impegnativa ma lui la sbriga da vero veterano.

HADZIOSMANOVIC (voto 5,5): Appare subito nervoso e spesso finisce per commettere falli evitabili e discutere con gli avversari, soffre la velocità di Russotto ma fortuna sua che l’esterno cavese non è nella sua giornata migliore. Nella ripresa riesce a prendere le misure al suo avversario che non affonda più e lui riesce a gestire il finale di gara senza particolari patemi.

BUSCHIAZZO (voto 6): Partita ordinata e sicura del centrale italo-uruguaiano, segue Germinale come un’ombra dando vita ad un duello d’altri tempi avendo la meglio alla lunga. Nella ripresa la musica non cambia e dalle sue parti non si passa.

CARILLO (voto 7): Anche per lui come il suo compagno gioca una gara attenta senza sbavature, da capitano dirige la difesa riuscendo ad assorbire bene i colpi veementi degli avversari. Nel finale sale in attacco e decide il match con un colpo di testa che vale doppio.

POLITO (voto 6): Esordio positivo per l’ex di turno, gioca una gara accorta annullando Senesi nel primo tempo e anche nella ripresa non va mai in difficoltà nonostante gli avversari spingano sull’acceleratore. Buona la prima per il giovane esterno rossoblu. Dal 66′ SETOLA (voto 6): Entra per far rifiatare il compagno fornendo una prova scolastica senza infamia e senza lode.

MATESE (voto 6): È un motorino, nella prima parte è ovunque e disegna buone trame per i suoi che non sempre riescono a concretizzare. Dopo un buon primo tempo nella ripresa cala e il centrocampo rossoblu ne risente, lascia il campo distrutto. Dal 73′ SANTORO (voto 6): Il suo ingresso serve soprattutto a dare fisicità al reparto e lui ripaga il proprio allenatore lottando nel mezzo spendendo anche qualche fallo per smorzare l’avanzata avversaria.

BORDIN (voto 6,5): È il fulcro del gioco rossoblu, dai suoi piedi passano tutti i palloni più importanti ma purtroppo gli attaccanti oggi non sono in giornata e spesso i suoi passaggi finiscono nel vuoto. Suo l’assist da calcio d’angolo che decide la gara.

IZZILLO (voto 5,5): Giornata piuttosto complicata per il centrale che soffre la mediana avversaria ed è spesso costretto a ricorrere a interventi fallosi ricevendo alla fine un inevitabile ammonizione. Dal 66′ CASTALDO (voto 5,5): Deve dare peso all’attacco ma tocca pochi palloni, cerca di creare spazi per i suoi compagni ma non ottiene mai l’effetto sperato era al rientro dall’infortunio e si vede.

ICARDI (voto 5,5): Oggi risulta meno dinamico di altre volte si vede poco e non riesce mai a dare il cambio di passo ai suoi. In avanti si vede in una sola occasione, in maniera quasi casuale, con un tiro rimpallato che Bisogno blocca facilmente.

PACILLI (voto 5): Risulta quasi avulso dal gioco per gran parte del match toccando pochi palloni senza mai rendersi pericoloso. Nella ripresa trova la rete ma l’arbitro la annulla per una posizione di fuorigioco ma la sua resta una prova decisamente al di sotto delle sue possibilità. Dall’83’ ORIGLIA SV

CUPPONE (voto 5,5): Rispetto al suo compagno di reparto ci mette più volontà e le poche occasioni dei suoi fino al gol portano la sua firma. Stasera pecca soprattutto di precisione, prima da buona posizione calcia alto poi sfiora il gol con una gran botta da fuori. Prova generosa ma da lui ci si aspettano i goal. Dall’84’ VARESANOVIC SV

GUIDI (voto 6): La sua squadra è brava a soffrire e incassare i colpi, gestisce bene gli attacchi, sterili, della Cavese conducendo in porto una gara positiva nel risultato. Fortunato nel finale quando pesaca il jolly con il colpo di testa di Carillo che gli permette di sbancare Cava.