Nessuno delle vespe al di sotto della sufficienza, gli uomini di Sottili hanno giocato una partita ai limiti della perfezione

CASTELLAMMARE DI STABIA (NA) - Dominio incontrastato della Juve Stabia che è stata per tutti i 90 minuti padrone assoluta del campo:

Dini 7,5 – Esordio impressionante per l’ex Avellino. Inizia tutto al 15′ del primo tempo quando compie il miracolo sul taglio di Vitali che sarebbe costato lo svantaggio alle vespe. Il duello a distanza con l’esterno offensivo continua e al 27′ si fa trovare pronto sul colpo di testa ravvicinato dell’attaccante rossonero. Al 53′ si rinnova il duello ma Vitali si arrende al terzo intervento ai limiti dell’impossibile. Non può nulla invece sulla conclusione di Rizzo Pinna, probabilmente avrà visto la palla all’ultimo.

Donati 6,5 – Si concentra principalmente sulla fase difensiva e lo fa molto bene contendo Curcio. Nella parte finale di gara si concede qualche sovrapposizione e inizia ad aumentare il feeling con Ceccarelli.

Troest 6,5 – Propizia la rete del vantaggio gialloblu ostacolando Di Pasquale sul gioco aereo scaturendo l’1-0 Juve Stabia. In fase difensiva non compie nessuna sbavatura.

Caldore 6,5 – L’unica sbavatura è al 27′ quando Vitali lo anticipa sul cross, ma per sua fortuna c’è la saracinesca Dini. Per il resto gestisce la sfera come sa fare lui.

Dell’Orfanello 6,5 – Non incomincia benissimo perché si lascia scappare Vitali al 15′ in diagonale, ma anche per lui c’è il bonus Dini a difendere il risultato. Cresce di prestazione durante la partita, specialmente in fase difensiva quando incomincia a prendere le misure a Turchetta. 

Scaccabarozzi 6,5 – Buona prestazione per lui. Riprende il posto da titolare in mezzo al campo e lo fa con il solito sacrificio mettendoci anche un po’ di geometrie per quel che può. (Erradi s.v.)

Altobelli 6 – Mezzo punto in meno perché si lascia spazio a Rizzo Pinna per la conclusione ma comunque raggiunge la sufficienza piena per aver tamponato ogni manovra offensiva in zona centrale del Foggia. 

Ceccarelli 6,5 – Buonissima prestazione per lui. Ripiega in continuazione per dare una mano a Donati, e nonostante la pressione costante di Rizzo riesce a duettare con i compagni. Suo il cross al veleno per la rete del vantaggio iniziale. (Della Pietra s.v.)

Stoppa 8 – Semplicemente mostruoso, quando è in partita si vede, incomincia a strappare in velocità e non c’è avversario che possa mantenere il suo passo. La prima rete è sinonimo di furbizia scommettendo sulla spizzata di Eusepi. La seconda invece è pura arte calcistica, salta due avversari a limite dell’are e mette in rete. (Guarracino 6 – Bravo a trovare con astuzia il calcio di rigore)

Bentivegna 6,5 – La sua conclusione in rete è stato il primo squillo di una Juve Stabia che ha suonato alla perfezione. Bene anche in ripiegamento. (Schiavi 6,5 – Anche se ha sbagliato il calcio di rigore è un giocatore che si sacrifica molto per la squadra ed è da lui che inizia la magia della doppietta di Stoppa)

Eusepi 7,5 – Dopo Stoppa è lui il secondo migliore in campo. Si sacrifica per i compagni con continue sponde, infatti è stata sua la spizzata che ha mandato in porta Stoppa. Sempre più importante per gli sviluppi offensivi di questa squadra. (Peluso s.v.)

 

Stefano Sottili 7 -La sua Juve Stabia è stata perfetta, ha iniziato subito al gara con l’atteggiamento giusto senza mai accontentarsi del doppio vantaggio ma continuando ad attaccare per trovare il tris. Le sue vespe stanno crescendo e con tutti i giocatori a disposizione questa squadra può diventare la mina vagante per tutto il girone di ritorno.