Il portiere del Marsala, classe 2000 e nativo di Casoria, si è reso protagonista parando un rigore ad un bomber come Ricciardo e compiendo almeno altri due grandi interventi

Minuto 35 di Marsala – Palermo. Felici si conquista un penalty molto discusso in area, dal dischetto va Ricciardo che si trova ad affrontare Antonio Russo. Per chi non lo conoscesse, Russo è un portiere campano, di Casoria, classe 2000 che dopo una grande parentesi in D con la Sarnese era approdato alla Salernitana ricevendo tantissime convocazioni in prima squadra. Dopo l’esperienza col club di Lotito, Russo è ritornato in D questa volta col Marsala e si è reso protagonista di una grande prestazione contro i Rosanero. Si perché dal dischetto il baby Russo ha ipnotizzato Ricciardo, bomber dai tantissimi gol tra C e D, con un tuffo felino tenendo il risultato sullo 0-0. Non solo il rigore però, perché il portiere napoletano si è reso protagonista di altri due prodigi nella ripresa ancora su Ricciardo e poi su Lucera, sul quale però non ha potuto nulla nel finale.

Il Marsala perderà di misura ma da Palermo si parlerà molto del nostro campano Russo che spera, in questo campionato, di mettersi nuovamente in luce per puntare definitivamente e nuovamente aggiungiamo ad entrare nel calcio che conta.