La Gelbison sta facendo parlare di sé. In quello che può essere ritenuto il girone più difficile della Serie D,

i rossoblu di Vallo della Lucania sono imbattuti e ancora non hanno subito gol.

In vista del derby di domenica con l’Agropoli, abbiamo sentito il presidente della Gelbison Puglisi, lo scorso anno dirigente proprio ad Agropoli 

 

La scelta di Martino sembra proprio che sia stata quella giusta.
“C’è stima con il tecnico. L’ho visto in Eccellenza per due anni e quindi ho creduto in lui. Non sono meravigliato”.

Ma i numeri sono straodinari in questo girone che molti vogliono evitare. Anche fuori regione parlano di voi perché ancora non avete subito gol. Società che hanno speso un bel po’ vorrebbero stare nei vostri panni.
“Nel calcio non vince sempre chi spende di più. Devi scegliere una rosa di calciatori e staff e non c’è sempre un rapporto diretto tra qualità e prezzo. Noi siamo una piazza piccola e dobbiamo fare i conti con il bilancio ma abbiamo esperienza, sono nove anni che siamo in Serie D. Abbiamo allestito la squadra per salvarci il prima possibile”.

Domenica c’è l’atteso derby con l’Agropoli, molto sentito nel Cilento. Soprattutto per te che l’anno scorso stavi con i delfini.
“Sarà una gara diversa rispetto a quella di agosto in Coppa. All’Agropoli abbiamo lasciato una società sana e se è stata ripescata è anche merito nostro. Sono anni che è un derby sì sentito, ma tranquillo, vissuto sempre in sportività. Che giochiamo in casa non è un vantaggio. È un derby e il fattore campo è relativo. Tra l’altra loro hanno fatto più punti fuori casa”.