L'estremo difensore napoletano dopo l'esperienza divisa tra Gragnano e Pomigliano è sul mercato alla ricerca della chiamata giusta

NAPOLI - È uno dei portieri più esperti e richiesti, Luigi Sorrentino (’91) dopo l’esperienza al Pomigliano è pronto per nuove stimolanti sfide. A Campania Football l’estremo difensore napoletano ha parlato dell’ultima stagione e del mercato che è ormai entrato nel vivo.

Stagione divisa a metà: “I primi sei mesi li ho vissuti a Gragnano e devo dire che sono stati davvero importanti a dicembre infatti eravamo a 15 punti un bottino importante per una squadra da salvezza”. Poi la chiamata del Pomigliano: “Nel mercato invernale il presidente Pipola, persona stupenda e determinante per la mia scelta, ha ripreso in mano il Pomigliano e mi ha fatto un’offerta che ritengo irrinunciabile. Peccato per la retrocessione ma la situazione era critica e recuperare tanti punti era difficile considerando il durissimo girone”.

L’avventura granata è finita ed è tempo di mercato: “La mia priorità è restare in Campania, per questioni familiari, e non mi importa se sarà Serie D o Eccellenza, l’importante è trovare un progetto serio ed ambizioso. Restare in D sarebbe importante per dare continuità alla mia carriera in quarta serie ma da qualche anno anche l’Eccellenza è diventata molto competitiva e non la scarterei a priori”.

Le offerte non mancano: “Per ora ci sono state diverse società di Eccellenza che mi hanno contattato e sto valutando. In Serie D mi hanno cercato molte società ma tutte fuori regione e per questo ho declinato l’offerta restando in attesa della chiamata giusta”.

Sorrentino vanta una lunga esperienza avendo vestito le maglie di Napoli (giovanili), Giulianova e Monza (Serie C2), Pomigliano, Nardò, Olbia, Sarnese, Portici e Gragnano (Serie D), Palmese (Eccellenza).