Il numero uno del Gladiator inibito fino al 24 marzo

NAPOLI “Per avere al termine della gara, dapprima ritardato con un pretesto la sottoscrizione dei moduli di gara, e successivamente colpito con un lieve colpo la spalla dell’Arbitro con la propria in segno di dissenso”. Per tale motivo il presidente del Gladiator Mattia Aveta è stato inibito a svolgere ogni attività fino al 24 marzo 2021. È quanto di legge sul comunicato di oggi. 

Per quanto riguarda le decisioni in riferimento alle società dei gironi meridionali, il S. Agata ha avuto una multa di ben 3000 perché erano presenti i tifosi “in palese violazione delle disposizioni legislative e federali volte a contenere il diffondersi della pandemia”. Circa cinquanta sulle tribune e circa centocinquanta intorno al recinto di gioco”. Gli stessi hanno anche offeso e discriminato l’arbitro alla fine della gara tanto che è stato necessario l’intervento delle forze dell’ordine per accompagnare la terna arbitrale fuori dallo stadio. 

Il dirigente del Marina di Ragusa Nunzio Calogero è stato ulteriormente inibito. Inibizione scontata lo scorso 4 febbraio, in occasione della gara con il Messina “era presente nell’area antistante il terreno di gioco durante l’intera durata della
gara e nonostante i ripetuti inviti ad allontanarsi faceva indebito ingresso sul terreno di gioco per festeggiare la segnatura di una rete”. Ora l’inibizione è fino al 4 aprile 2021. 

PROVVEDIMENTI A CARICO DI ALLENATORI

Il tecnico del Biancavilla, Catania, è stato squalificato per due giornate “per aver rivolto espressione offensiva all’indirizzo del Direttore di gara, allontanato”. Stesso provvedimento per il tecnico del Casarano Vincenzo Feola “per avere rivolto espressione irriguardosa all’indirizzo del Direttore di gara”. 

Ammonito Antonio De Stefano, l’allenatore del Real Agro Aversa. 

PROVVEDIMENTI A CARICO DI CALCIATORI

Una giornata di squalifica per recidiva in ammonizione a carico di Ciro Poziello del Savoia e Mohammed Amil Gassama del Nola.