Le parole, sulla conquista della quarta serie, del massimo dirigente dei giallorossi accompagnate da quelle del d,g, Guaruglia, del tecnico Pirozzi e del capitano Fariello

CASTELLABATE (SA) - La Polisportiva Santa Maria dopo il successo nei play-off regionali di Promozione, di tre stagioni fa, è balzata nel massimo campionato dilettantistico regionale. I giallorossi hanno disputato due campionati d’Eccellenza di alto profilo, culminati con il primo posto ottenuto sino allo stop delle attività sportive di questa annata. La società cilentana è prossima a disputare, quindi, il suo primo torneo di Serie D. L’ufficio stampa della Polisportiva ha diffuso le parole di quattro perni tra società, staff tecnico e giocatori. A parlare, infatti, sono stati il presidente Tavassi, il tecnico Pirozzi, il direttore generale Guariglia e il capitano Fariello.

 

Il presidente Francesco Tavassi

E’ un risultato storico per la nostra società e per Castellabate. Penso che tra pochi giorni ci renderemo conto del traguardo così importante raggiunto. Però devo anche dire che è un risultato che viene da lontano perché qui si fa calcio da tanti anni, dietro c’è un lavoro partito da lontano con mio zio, Antonio Carrano, e non caso il nostro campo sportivo porta il suo nome. E’ un motivo di grande soddisfazione andare in stadi che hanno fatto la storia del calcio italiano, come potrebbero essere il Taranto o il Messina. Ora, però, ci godiamo la festa e poi tra qualche giorno penseremo al prossimo campionato di serie D“.

Il direttore generale Alberico Guariglia

Una grande emozione per una comunità non abituata a questi livelli. Questo è un percorso che viene da lontano. Bisogna ricordare le tantissime persone che hanno fatto calcio e hanno mantenuto in piedi la Polisportiva soprattutto nei periodi bui dove non c’era il campo e le risorse economiche erano ridotte. Il merito è anche loro, perché la Polisportiva ha una lunga storia e tradizione, e quasi tutti hanno dato il loro contributo. Serie D? Adesso dobbiamo solo festeggiare e goderci il momento.  Noi faremo il possibile attraverso tutte le risorse che ci verranno date. Il calcio non è una scienza esatta. Noi ci metteremo tanta buona volontà per portare avanti la tradizione nel nome della Polisportiva Santa Maria“.

Il tecnico Egidio Pirozzi

E’ un traguardo unico, storico, per società e città. Ringrazio, insieme alo staff, tutti,  dal presidente Francesco Tavassi al figlio Alfonso, dal direttore generale Alberico Guariglia al segretario Gerardo Biasi, dall’ufficio stampa ai nostri mitici magazzinieri Gerardo e Marcello, e soprattutto Costabile, così come tutti i collaboratori. Ma un grazie speciale va ai miei ragazzi che dalla fine dello scorso luglio, sotto il caldo cocente, ci hanno sempre seguito, costruendo così con fatica e sudore questo grande successo. Sicuramente avremmo preferito finire la stagione e vincere sul campo, ma se siamo primi con miglior difesa e secondo miglior attacco, nonché la squadra con il maggior numero di vittorie, qualcosa significa. E’ serie D”.

Il capitano Fabio Fariello

E’ un onore per me raggiungere la serie D con questa maglia, con cui ho già conquistato l’Eccellenza. Due traguardi storici frutto di programmazione e di lavoro, portato avanti con serietà dalla società, e poi dal mister, dallo staff  e dai calciatori che hanno l’onore di vestire questa maglia. Vittoria meritata, anche se sarebbe stato sicuramente più bello festeggiare sul campo. Ma va bene così. Godiamoci questo traguardo perché l’abbiamo sudato e meritato. Grazie, infine, anche ai nostri tifosi, che non ci hanno fatto mai mancare il loro affetto”.