Nel recupero della ventunesima giornata, i campani vanno sotto ma rimontano meritando ampiamente la vittoria: tre punti che blindano il secondo posto e permettono di restare ancora in scia del Bari

Vince la Turris, di misura ma con largo merito contro un Rotonda che comunque si gioca la sua onesta partita dimostrando un buon momento di forma. La squadra di Fabiano, però, ha dalla sua una qualità superiore e riesce, nonostante lo svantaggio di inizio ripresa, a prendersi tre punti importanti sia per continuare a sognare il primato che per distaccare ancora di più la Cittanovese, terza e ora a – 9 dalla Turris. Sorride Fabiano, mastica amaro invece Giovanni Baratto, ex della sfida per essere stato prima calciatore e poi allenatore, negli anni 15/16 e 16/17 della squadra di Torre del Greco: tuttavia, da avversario la Turris gli dice ancora male con tre sconfitte su tre (due col Mandredonia, una col Rotonda), ma quest’ultima ha un sapore aspro sia per il primo vantaggio messo a segno dalla sua squadra sia perché con un’ eventuale vittoria il sogno Play Out sarebbe stato alla portata.

FORMAZIONI – Rotonda con due attaccanti di peso nella sfida proibitiva alla Turris,  Mister Baratto infatti opta per il tandem Gonzalez – Flores per scardinare la squadra di Franco Fabiano, proveniente da un pesante 5-2 subito a Messina. Per il resto, pochi i cambi effettuati dai biancoverdi: chance dal 1′ per Pastore, che rileva in difesa Granata, e Capristo che dopo il grande secondo tempo col Locri viene preferito a Valori. Mister Fabiano ancora squalificato non cambia modulo e conferma il suo classico 4-3-3. Tanti problemi di formazione per il tecnico corallino, specie in attacco dove deve fare a meno dello squalificato Celiento e dell’infortunato Longo: ritorna titolare dunque Addessi che completa il tridente con i confermati Guarracino e Cunzi.

LA PARTITA – Come da previsione, è la Turris a comandare il gioco al “Vulcano” di Castelluccio Inferiore. I corallini tengono il possesso palla e giocano cercando il varco giusto per penetrare l’attanta retroguardia di un Rotonda comunque abbottonato. Al 5′ i campani reclamano un calcio di rigore: Cunzi è un fulmine, si invola in area ma sul più bello viene steso in area, ma per il Sig. Di Cicco di Lanciano è tutto regolare. Due minuti dopo ci prova Addessi con una conclusione dalla distanza con palla che finisce di poco a lato. Bella Turris, vogliosa di riscattare il passo falso di Messina: ci prova al 14′ anche il difensore Riccio dalla distanza, bellissimo il tiro ma bellissima anche la risposta del giovane portiere Gonzalez che mette in angolo. La squadra di Fabiano fa girare palla, ma non trova varchi nonostante il possesso lungo e la qualità di cui dispone. Merito questo di un Rotonda ben disposto in campo da Baratto, una squadra che soprattutto nell’ultimo periodo ben sta facendo con qualche punto messo a referto e prestazioni di ottimo livello nonostante sia una delle ultime della classe. La gara così scivola via e si arriva alla mezz’ora quando Cunzi sciupa una grossa occasione: Guarracino calcia, respinge la retroguardia del Rotonda sui piedi dell’attaccante che sbaglia tutto e si divora lo 0-1. Al 38′ invece è Guarracino prima e Fabiano poi a portarsi a pochi centimetri dal gol: nulla di fatto però con una Turris sfortunata e poco precisa nei momenti topici dell’azione. Ma la squadra biancorossa presidi costantemente la trequarti avversaria e così, al 41′, deve ancora volare il portiere Gonzalez del Rotonda per mettere fuori dalla sua porta una gran punizione di Addessi: con quest’ultima emozione, si chiuderà un primo tempo di solo Turris ma col risultato ancora inchiodato sullo 0-0.

Gara più cattiva nella ripresa, la posta in palio ovviamente è alta: la Turris per sognare ancora di competere col Bari, il Rotonda per accendere un altro lumino nella corsa disperata ai Play Out. Poche occasioni, tanti falli. Ma al primo squillo, è gol del Rotonda: minuto 12, Capristo segna in tap in dopo una rapida azione della sua squadra che ha colto impreparata la Turris. Una mazzata quella subita dalla squadra di Fabiano, che però dimostra il piglio da grande e non si scoraggia. Il giovane numero 1 del Rotonda Gonzalez è però in grande giornata e, al 17′, dice di no prima ad Aliperta e poi a Di Nunzio: su quest’ultimo, trattasi di un vero miracolo visto che il difensore aveva staccato benissimo di testa. Pressing comunque asfissiante della Turris che, al 19′ della ripresa, realizza il pari. Cross dalla sinistra di Formisano e girata di testa di Vacca, che batte finalmente Gonzalez e porta a “8” le sue reti personali in campionato. Il gol carica ancora maggiormente la squadra di Torre del Greco che, dopo cinque minuti dal meritato pari, sfiora addirittura l’1-2: gran tiro a giro del neo entrato Di Dato, palla che fiora il palo ed ennesimo brivido per la difesa del Rotonda. Manca la precisione talvolta, ma la Turris imbatte anche in un super Diego Gamaza Gonzalez che, alla mezz’ora, nega la gioia del gol prima a Guarracino e poi ad un gran tiro di Vacca dai 25 metri. Non si contano più le parate di questo giovane portiere che, quasi da solo, sta tenendo in gara il Rotonda. Ma il gol per i corallini resta nell’aria ed arriva puntuale al minuto 77 con Riccio, che bissa il gol vittoria col Bari e segna ancora con un pregevole tiro a giro di destro sul quale Gonzalez non può arrivarci. Dopo il gol del vantaggio, la Turris rischia poco e niente, merito anche di Mister Fabiano che sceglie la via conservativa inserendo un difensore esperto, Lagnena, in luogo di Addessi, attaccante. Così il Rotonda alza soltanto il baricentro senza però mai sporcare i guanti ad un D’Inverno inoperoso nei novanta minuti.

Finisce dunque 2-1 per la Turris che espugna il “Vulcano” e consolida la seconda posizione in classifica tenendosi in scia del Bari, distante comunque nove lunghezze. Sconfitta pesante invece in casa Rotonda, che vede così sempre più vicino la retrocessione diretta: ben “8” infatti sono i punti che dividono la squadra di Baratto dai Play Out. Troppi forse per sperare ancora in un miracolo, ma la squadra ha comunque dimostrato oggi con la Turris grande voglia e fame nel provare quantomeno a crederci fino a quando non sarà condannata dalla matematica.

ROTONDA CALCIO 1-2 TURRIS 1944

ROTONDA CALCIO (4-4-2): D. Gonzalez 99; Taccogna 00, Pastore, Silletti, Nicolao; Capristo 98, Marigliano 99 (1’st Tucci 99), Chiavazzo, Talia 98 (24’st Evacuo); M. Gonzalez, Flores. All. Giovanni Baratto

TURRIS 1944 (4-3-3): D’Inverno 99; Esempio 99, Riccio, Di Nunzio, Formisano 98 (37’st Auriemma 98); Vacca, Aliperta, Fabiano 00 (17’st Di Dato 00); Cunzi (17’st Franco), Guarracino (42’st Palmieri 99), Addessi (33’st Lagnena). All. Lorenzo Salvatore (squal. Franco Fabiano)

ARBITRO: Sig. Giorgio Di Cicco di Lanciano (Ticano-Minafra)

MARCATORI: 12’st Capristo, 19’st Vacca, 31’st Riccio

NOTE. Spettatori: 200 circa, di cui 100 da Torre del Greco. Ammoniti: M. Gonzalez, Chiavazzo; Guarracino, Addessi, Aliperta, Di Nunzio. Recupero: 1’pt; 4’st.