La rete di Festa alla mezz'ora decide la sfida col Città di Messina

NOCERA INFERIORE (SA) - Ritorno al successo più inaspettato e rocambolesco che mai per la Nocerina, che vince per uno a zero sul difficile campo del Città di Messina. Dopo essersi salvati grazie alle parate di Feola e alla traversa, i rossoneri passano in vantaggio con il primo gol stagionale di Simone Festa. Le emozioni, però, non finiscono di certo qui, poiché il solito Ivano Feola para un rigore a Bombara e diventa il protagonista assoluto del match.

FEOLA COMPIE MIRACOLI E PARA UN RIGORE, NOCERINA IN VANTAGGIO GRAZIE A SIMONE FESTA. La sfida salvezza in casa del Città di Messina può valere tantissimo per la Nocerina di Gerardo Viscido. Rispetto alla gara casalinga contro l’Acireale, nel consueto 3-5-2 rossonero c’è spazio per i rientri da titolare di Dario Odierna e di Francesco Vatiero. Cardone e De Feo si accomodano in panchina. 3-5-2 anche per il Città di Messina di mister Furnari, a caccia di una vittoria che si rivelerebbe pesantissima. Pronti via e i padroni di casa si rendono subito pericolosi con una percussione in area di Santoro, fermata in maniera efficace da Feola. Al 14’ il portiere rossonero compie un autentico miracolo su un colpo di testa di Galesio, per poi ripetersi sulla conseguente ribattuta del centravanti argentino. I peloritani insistono e sfiorano il vantaggio dieci minuti dopo con una bordata dal limite dell’area di Quintoni, che si stampa clamorosamente sulla traversa. La Nocerina rischia grosso ma rimane in piedi, e in maniera inaspettata trova il gol. Allo scoccare della mezzora, Simone Festa si ritrova davanti alla porta grazie a un fortunoso rimpallo. L’esterno rossonero non perdona, e trafigge Paterniti con una botta sotto la traversa. L’uno a zero degli ospiti è un colpo al cuore del Città di Messina, che va immediatamente a caccia del pareggio. Al 38’ i giallorossi si vedono assegnare un penalty per via di un fallo di Salto su Nicosia ma, dagli undici metri, Bombara si fa ipnotizzare da un Feola in giornata di grazia. Il calcio di rigore fallito dal capitano dei padroni di casa chiude di fatto la prima frazione.

IL SECONDO TEMPO È UNA GUERRA DI NERVI, LA NOCERINA GESTISCE E FA IL COLPACCIO. La ripresa inizia con le espulsioni prima di Vatiero per la Nocerina e subito dopo di Calcagno, che infiammano ancora di più il match. Al 56’ i padroni di casa vanno vicini al pari con un’inzuccata di Galesio terminata di pochissimo a lato. La Nocerina replica undici minuti più con un cross ben calibrato di Festa per Simonetti, che viene anticipato da Bombara proprio sul più bello. Dopo una fase di stallo, negli ultimi minuti della partita sono ancora gli uomini di Viscido a proporsi in avanti. All’89’ Salto batte un fallo laterale e pesca il neo entrato Orlando che, da buona posizione, calcia debolmente. È questa l’ultima azione degna di nota del match, che vede la Nocerina conquistare tre punti d’oro, che valgono una bella fetta di salvezza.

CITTÁ DI MESSINA 0

NOCERINA 1

CITTÁ DI MESSINA (3-5-2): Paterniti; Crucitti, Fragapane, Nicosia (53’ Ferraù), Bombara, Grasso, Princi (72’ Codagnone), Quintoni (63’ Bonamonte), Galesio, Calcagno, Santoro (72’ Silvestri). A disp.: Berikashvili, Bellopede, Dama, Fofana, Di Vincenzo. All. Giuseppe Furnari.

NOCERINA (3-5-2): Feola; Vuolo, Salto, Pecora, Caso, Festa, Odierna, Ruggiero, Simonetti (77’ Orlando), Amendola (55’ Iodice), Vatiero. A disp.: Novelli, Ansalone, Califano, Capaccio, Cardone, De Feo, Iodice, Montuori, Orlando. All. Gerardo Viscido.

MARCATORI: 30’ Festa (N).

ARBITRO: sig. Claudio Campobasso di Formia. Assistenti: Pressato e Cerilli di Latina.

NOTE: pomeriggio soleggiato. Gara giocata a porte chiuse. Bombara (CM) fallisce un rigore (parato) al 38’. Allontanato per proteste all’84’ il direttore tecnico Roberto Chiancone (N). Ammoniti: Grasso (CM), Amendola (N), Festa (N), Pecora (N). Espulsi: Vatiero (N), Calcagno (CM). Calci d’angolo: 7-2. Recupero: 2’ pt, 5’ st.