Sconfitta pesante per la squadra di Castori

Prima casalinga di lusso per la Salernitana che bagnava il ritorno in Serie A all’Arechi contro la Roma di Jose Mourinho. I granata di Castori erano orfani di Strandberg squalificato e di Veseli e Djuiric infortunati. A ridosso del posticipo forfait anche per Bogdan, che lascia il tecnico ex Carpi con le scelte contate in difesa. Esordio in Serie A per capitan Di Tacchio, out a Bologna dopo la squalifica dello scorso campionato. I padroni di casa si presentano con un 3-6-1 che lascia Bonazzoli solo in attacco con M. Coulibaly ed Obi a dar manforte e Ruggieri e Kechrida sui binari esterni. 

Il primo tempo vede una Salernitana arroccata a difesa di Belec ed una Roma lenta a far girar palla senza trovare mai il varco giusto. Al 2′ Vina sulla sinistra impegna subito il portiere sloveno che respinge in calcio d’angolo mentre al quarto d’ora  Abraham calcia alto dopo una deviazione. Il forcing capitolino porta dopo altri cinque giri di lancette  Mancini  di testa a costringere Belec a mettere una palla non irresistibile sopra la traversa. Gli ospiti premono ancora e al  34′ è ancora Abraham, in torsione,  ad angolare troppo la sua girata aerea. Dopo un minuto di recupero si torna cosi negli spogliatoi sullo 0-0.

Nella ripresa la Roma chiude subito la gara. Al 3′ dal settore sinistro Vina serve Pellegrini che con il sinistro calcia e buca Belec. Dopo cinque minuti arriva il raddoppio:  Veretout, dopo una bella azione corale, dall’interno dell’area piazza la palla in tutta comodità mettendo fuori causa l’incolpevole Belec. Passano sessanta secondi è arriva la prima vera opportunità della Salernitana che con Obi mette sui sinistro Bonazzoli, all’altezza del rigore, l’opportunità di riaprire il match: la girata dell’ex Sampdoria è però troppo angolata. Al 24′ però la Roma triplica il vantaggio con  Abraham i che in bello stile  fredda la difesa granata infilando la  sfera sul palo più lontano. Passano dieci minuti ed una gara calata di ritmo vede una perla di Pellegrini fissare il parziale sul 4-0 ospite. Nei tre di recupero succede poco. La Roma vince con pieno merito all’Arechi.

Salernitana – Roma 0-4

RETI: 3′ st, 34′ st Pellegrini (R), 7′ st Veretout (R), 24′ st Abraham (R)
SALERNITANA (5-4-1): Belec; Kechrida (22′ st Zortea), Aya, Gyomber, Jaroszynski (38′ st Schiavone), Ruggeri; M. Coulibaly, L. Coulibaly (10′ st Simy), Di Tacchio; Obi (22′ st Capezzi); Bonazzoli (38′ st Kristoffersen).
In panchina: Fiorillo, De Matteis, Kastanos, Iannone. Allenatore: Castori.
ROMA (4-2-3-1): Rui Patricio; Karsdorp, Mancini, Ibanez, Vina (37′ st Calafiori); Veretout (37′ st Diawara), Cristante; Carles Perez (33′ st Shomurodov), Pellegrini, Mkhitaryan (25′ st Mkhitaryan); Abraham (37′ st Mayoral).
In panchina: Fuzato, Boer, Reynolds, Kumbulla, Villar, Darboe, Zalewski. Allenatore: Mourinho.
ARBITRO: Abisso di Palermo
Ammoniti: Bonazzoli, Carles Perez, Aya, Mkhitaryan  Recupero: 1′ pt – 3′ st