Abbiamo intervistato i due capitani di Ischia e Lacco Ameno,Del Deo e Ragosta sul derby che di disputerà sabato prossimo al “Patalano” di Lacco Ameno  

ISCHIA (NA) – C’è attesa per il derby di sabato tra Lacco Ameno  e Rinascita Ischia Isolaverde le due squadre con due obbiettivi diversi, il Lacco Ameno, quart’ultimo alla ricerca di punti preziosi per uscire dalla zona playout, mentre, per i ragazzi di mister Isidoro Di Meglio che occupano  la quarta piazza serve una vittoria per cercare di agganciare il Maued Sport e restare agganciati al treno dei  playoff. Le due squadre isolane si sono già incontrate due volte, la prima in coppa dove l’Ischia con un gol Ciccaroni si aggiudicò l’intera posta, mentre nella gara di campionato che si disputò al Mazzella i ragazzi di mister Dinolfo riuscirono a portare a casa un meritato pareggio. L’unica nota stonata è l’ennesima gara a porte chiuse, dove la cornice di pubblico in un derby è essenziale anche se di sicuro i tifosi delle due compagini  non faranno mancare il loro calore anche dall’esterno dello stadio.                                                                                                                                 

Sabato arriva la Rinascita Ischia Isolaverde, all’ andata ci fu un pareggio al Mazzella e si giocò a porte chiuse e domenica al Patalano sarà la stessa cosa. l’ischia lotta per i playoff mentre  voi avete bisogno di punti. Un tuo parere sulla gara

Ragosta Francesco: “Sabato arriva il derby, sempre sentito per entrambe le compagini. All’ andata il pari  penso sia stato un risultato giusto  ed e stata una bella partita tra giocatori amici e con la giusta rivalità. Per quanto riguarda la gara a  porte chiuse, abbiamo commesso qualche errore tra società, giocatori e tifoseria ed è giusto che paghiamo ma nonostante tutto sono certo che la nostra tifoseria ci seguirà e ci sosterrà lo stesso anche da fuori al campo come hanno fatto fino ad ora malgrado i pochi risultati utili. Ischia ha creato un bel progetto grazie alla loro storica tifoseria che con la loro passione è risuscita a coinvolgere di nuovo tutta la città , lottano per i playoff, ma anche a noi servono punti per raggiungere quanto  prima la salvezza tranquilla anche perché come sappiamo tutti la nostra rosa non è molto ampia e non tutti possono darci sempre il loro contributo per impegni lavorativi”.

Sabato c è il derby e si sa che il derby è una gara che può riservare qualsiasi sorpresa, voi lottare per i play off mentre il Lacco Ameno si trova in una posizione di classifica a cui servono punti. Qual è il tuo giudizio su questa gara

Antonio Del Deo “Si sa che i derby sono partite a parte, la classifica non conta, anche perché conosco La Rosa che ha a disposizione il Lacco ameno e di certo non merita la classifica che ha, hanno problemi ad allenarsi tutto insieme perché lavorano (questo lo so perché conosco quasi tutta la squadra avendo giocato con quasi tutti i giocatori del Lacco ameno)quindi, si sa che pur essendo una squadra singolarmente forte, se non ti alleni con continuità non raggiungi facilmente gli obiettivi prefissati, per me comunque resta una squadra molto temibile che se la può giocare tranquillamente con chiunque”.

All’ andata si giocò al Mazzella senza pubblico e così sarà anche sabato al Patalano, secondo te quanto può incidere questo.

“Sicuramente dal punto di vista del supporto del nostro pubblico può incidere tanto, sappiamo l’importanza dei nostri tifosi e quanto possano darci  in grinta e positività all’interno del campo. Allo stesso modo saremo in grado, almeno spero, di portare avanti i colori giallo blè mantenendo lo stesso entusiasmo e la stessa passione esattamente come i nostri tifosi riescono a trasmettere attraverso la loro presenza. Per quanto riguarda dal punto di vista sportivo penso che giocare un derby a porte chiuse per la nostra isola non sia il massimo”.