Il tecnico della Virtus Volla in passato anche calciatore di Ciaramella ospiterà sabato al Borsellino la capolista Frattese

NAPOLI - E’ carico più del solito Ivan De Michele tecnico della Virtus Volla che ha chiuso il 2018 con due successi significativi in trasferta prima a Mondragone e poi al Papa di Cardito contro il Casoria.

Due successi frutto del calciomercato dicembrino, di una squadra rinnovata con gli innesti di Avino,Puccinelli, Longo e Lenci. 

“Veniamo da due vittorie importanti oltre con il Casoria credo che poche squadre riusciranno a fare punti a Mondragone. La squadra con i rinforzi di Dicembre è totalmente un’altra squadra”.

In che modo proverai a fermare la capolista Frattese?

“La Frattese merita tutti i punti che ha perchè arrivati sul campo, Ciaramella è un grande allenatore ed in rosa disponde di 4/5 calciatori che in Eccellenza fanno la differenza non a chiacchiere. La squadra punta a fare bene perché abbiamo una grande società che non ci fa mancare niente. Credo che faremo una grande partita. Sicuramente non prenderanno la Virtus Volla dell’andata perchè eravamo troppo scarsi. Eravamo una squadra che non opponeva resistenza e dopo un quarto d’ora perdeva 3-0, con la Frattese che nel secondo sembrava stesse disputando un allenamento. Oggi siamo una squadra discreta, loro non hanno solo Grezio come punto di riferimento, c’è Claudio Costanzo che per me è un giocatore da Serie D a vincere non a metà classifica. Poi c’è Fontanarosa, Aracri, Sparano e non parliamo degli under. Faccio i complimenti alla società che non so dove li ha presi ma il centrale difensivo – si riferisce ad Oliva classe 2001 ndr – che sembra di avere 30 anni con tanta esperienza”.

Il mese di Gennaio e Febbraio quanto sarà fondamentale per le società raggiungere i rispettivi obiettivi?

“Il girone di ritorno dell’Eccellenza Girone A è un altro campionato, puoi vincere e perdere contro chiunque. Non esiste la squadra materasso, ogni domenica ci saranno dei risultati a sorpresa sia nella parte bassa che alta. Infine quest’anno rispetto agli ultimi 5, ci sono 6 o 7 squadre che fanno la differenza. L’Albanova ha una rosa che la davo per vincere il campionato, ed oggi si trova al sesto posto. Per me hanno la difesa in assoluto più forte dell’Eccellenza anche più della Frattese e del Giugliano. Hanno Ciano, Signore, Fiorillo e l’under fortissimo che non ricordo il nome. Questi tre calciatori negli ultimi anni hanno vinto campionati”.

Ti aspettavi che il Giugliano perdesse punti a San Giorgio a Cremano?

“Il San Giorgio è una grande squadra, idem la società e guidata da un grande allenatore ma non mi aspettavo questo risultato. Sono andato a Giugliano circa un mese fa – riferendosi alla gara contro la Virtus Volla ndr – e avevano in panchina gente come Fragiello, Bacio Terracino, Barone, Castaldo e Carbonaro. Giocatori che dissi scherzando verso l’altra panchina se me li dai a me punto per vincere il campionato. In assoluto per me è la squadra più forte perchè ha 16/17 titolari e questo potrebbe fare la differenza a lungo andare”.