1.500 euro di ammenda per i pugliesi. Tripoli del Marsala squalificato per sette giornate, tre Felleca del Portici

Provvedimenti a carico di società

1.500 euro di ammenda al Cerignola (+ una gara a porte chiuse – sanzione sospesa ex art.16 co.2 bis) “per avere propri sostenitori (circa 30) in tre distinte occasioni del secondo tempo, rivolto espressioni e grida implicanti discriminazione per motivi di razza all’indirizzo di un calciatore avversario”.

600 euro di ammenda al Nola “per avere propri sostenitori lanciato una bottiglietta di acqua piena all’indirizzo di un calciatore avversario intento ad effettuare una rimessa laterale, che cadeva sul terreno di gioco senza colpire nessuno. Sanzione così determinata anche in ragione della recidiva di cui al Comunicato Ufficiale n. 86”.

400 euro di ammenda al Messina “per avere, un proprio addetto alla sicurezza nel corso del primo tempo, protestato nei confronti di un calciatore avversario. Al termine della gara reiterava la condotta nello spazio antistante gli spogliatoi”.

400 euro di ammenda al Gragnano “per avere propri sostenitori introdotto ed utilizzato materiale pirotecnico (2 fumogeni) che veniva lanciato sul terreno di gioco”.

Provvedimenti a carico di dirigenti

Inibizione a svolgere ogni attività fino al 3 aprile 2019 a carico di Rosario Cutuli del Messina “per avere, al termine del primo tempo, protestato con atteggiamento minaccioso all’indirizzo di un Assistente Arbitrale e del Direttore di gara”. Inibizione fino alla stessa data a carico di Luigi D’Alessandro del Città di Messina “per avere nel corso del secondo tempo ed in più occaisoni, protestato anche con termini irriguardosi nei confronti di un Assistente Arbitrale e del Direttore di gara” e a carico di Francesco Bruno del Rotonda “per essere uscito dall’area tecnica ed, avvicinatosi ad un Assistente Arbitrale, protestato nei confronti dello stesso con espressioni offensive”.

Provvedimenti a carico di allenatori

Un turno di squalifica per Oberdan Biagioni del Messina “per proteste nei confronti dell’Arbitro, allontanato”.

Provvedimenti a carico di calciatori espulsi dal campo

Sette giornate di squalifica per Pietro Tripoli del Marsala “per avere a gioco fermo ed in reazione, colpito con la testa il petto di un calciatore avversario, facendolo cadere a terra, alla notifica del provvedimento disciplinare si avvicinava al Direttore di gara e lo spingeva petto contro petto, facendolo indietreggiare di un metro”.

Tre giornate di squalifica per Domenico Mazzone dell’Acireale “per avere a gioco fermo, tentato di colpire un calciatore avversario con una gomitata ed una testata senza tuttavia riuscirvi, in quanto il calciatore di spostava per evitare il colpo”.

Due giornate di squalifica per Giuseppe Perfetti del Roccella “per avere rivolto espressione irriguardosa all’indirizzo del Direttore di gara” e per Danilo Cucinotti dell’Altamura “per avere, a gioco in svolgimento, colpito un calciatore avversario con una gomitata al volto”.

Una giornata di squalifica per doppia ammonizione a carico di Valerio Sorriso della Sarnese.

Provvedimenti a carico di calciatori non espulsi dal campo

Tre giornate di squalifica per Francesco Felleca del Portici perché “al termine della gara si avvicinava ad un calciatore avversario colpendolo dapprima con una spallata al petto e successivamente con due calci alla caviglia”.

Un turno di squalifica per recidiva in ammonizione (la decima) per Emanuele D’Anna del Nola.

Un turno di squalifica per recidiva in ammonizione (la quinta) per Salvatore Mancuso dell’Igea Virtus, Dambel Sall del Portici, Edoardo Catinali del Team Altamura, Fabi Crocifisso Campanaro dell’Acireale, Ambrogio Sorriso del Gragnano, Ciro Amelio del Roccella, Stefano Manzo del Taranto e Davide Cacace del Savoia.