Sia Virtus Francavilla che Juve Stabia alla ricerca del primo successo in Puglia. I padroni di casa ritrovano Partipilo; ospiti che non potranno contare, invece, su Di Roberto e Stallone

CASTELLAMMARE DI STABIA (NA) - Arriva anche in Serie C la febbre del Boxing Day stile Premier League, con le squadre del girone C che tornano in campo dopo il turno disputato domenica 23.
Per la diciannovesima giornata di campionato, l’ultima del girone d’andata, la Juve Stabia abbandona il proprio terreno di gioco per sfidare, allo stadio “Franco Fanuzzi” di Brindisi, la Virtus Francavilla.
L’arbitro dell’incontro sarà il sig. Paolo Bitonti di Bologna, che verrà coadiuvato dagli assistenti Massimiliano Magri di Imperia e Gaetano Massara di Reggio Calabria.

Quello di oggi è solamente il terzo confronto tra i pugliesi e i campani.
I primi e unici due precedenti sono abbastanza recenti: Virtus Francavilla e Juve Stabia si sono incontrate, per la prima volta, il 15 aprile 2017, con i padroni di casa che andarono in vantaggio momentaneamente con Nzola al 65′, prima di essere ripresi dal gol di Ripa al 81′; la seconda volta al Fanuzzi, il 18 aprile 2018, i due club non andarono oltre lo 0 a 0 in un incontro estenuante ad opera soprattutto della pioggia battente che cadde su Brindisi, che costrinse l’arbitro a rinviare il match per impraticabilità del terreno.

Partita che sulla carta sembra suggerire ampliamente l’esito finale: si affrontano la tredicesima e la prima forza del girone.
La Virtus Francavilla arriva da un risultato discreto ottenuto domenica sera, ovvero un pareggio a reti bianche in casa di un Bisceglie non lucidissimo. L’ultimo incontro, però, disputato in casa dagli uomini di Bruno Trocini – subentrato nel mese di novembre a Nunzio Zavettieri – ha regalato ai pugliesi tre punti d’oro, contro la Paganese, grazie a un gol di Sarao. Ciononostante lo score in casa non è rassicurante, con solo 10 punti guadagnati sui 21 a disposizione.
La Juve Stabia arriva, invece, da una vittoria per ben 4 a 0 con un Matera in evidente difficoltà (più psicologiche che fisiche), la quale ha permesso ancora una volta a Massimiliano Carlini di mettere in mostra tutto il proprio talento. E fu proprio Carlini il marcatore dell’ultimo incontro disputato dalle vespe, quello di Vibo Valentia con la Vibonese, terminato 1 a 1 con gol al 96′. Le statistiche, per questa sfida, sono completamente a favore degli stabiesi, i quali hanno conquistato ben 20 dei 24 punti a disposizione in trasferta, riuscendo anche nell’impresa di violare il Provinciale di Trapani.
Ma andiamo a vedere come i due tecnici arrivano all’incontro.

VIRTUS FRANCAVILLA – Dopo due lunghi turni, il tecnico Bruno Trocini può riabbracciare finalmente uno dei due terminali offensivi della sua rosa, ovvero Anthony Partipilo, attaccante barese espulso durante la trasferta di Catania persa per 0 a 1. Tuttavia, i pugliesi saranno costretti a dover far a meno di un altro giocatore, cioè il centrocampista italo-nigeriano Michael Folorunsho, squalificato per aver raggiunto il limite massimo di cartellini gialli consentiti consecutivamente.
Per quanto riguarda la formazione che dovrebbe ospitare la Juve Stabia oggi alle 17:30, il mister biancoazzurro dovrebbe affidarsi come sempre al 3-5-2, con Nordi in porta e Sirri, Marino e Pino a concludere la retroguardia del Francavilla. A centrocampo Mastropietro dovrebbe sostituire l’assente Folorunsho, con Pastore, Monaco, Albertini e Vrdoljak a completare la linea centrale dell’undici titolare. Nessun dubbio in attacco, con la coppia Sarao-Partipilo confermatissima.

PROBABILE FORMAZIONE (3-5-2): Nordi, Sirri, Marino, Pino, Albertini, Mastropietro, Vrdoljak, Monaco, Pastore, Sarao, Partipilo.

JUVE STABIA – Superato l’ostacolo Matera, Fabio Caserta vuole sbarazzarsi facilmente anche della Virtus Francavilla, nel tentativo così di allungare leggermente sul diretto inseguitore Trapani, impegnato in un match ostile con il Catanzaro. Sul piano degli infortuni, i gialloblù non riescono a recuperare l’ex Salernitana Di Roberto, anzi, alla lista degli indisponibili si aggiunge anche il giovane Stallone, portando così a due il numero degli assenti.
Per quanto riguarda l’undici che scenderà in campo dal primo minuto con la Virtus Francavilla, mister Caserta potrebbe fare alcuni cambi, anche in vista della sfida di domenica con il Siracusa.
In porta, non ci sono dubbi su chi sarà il titolare, ovvero uno dei portieri meno battuti d’Europa, Paolo Branduani. Il numero uno gialloblù verrà difeso da una linea difensiva a quattro, composta da Vitiello, Troest, Marzorati e Aktaou, che potrebbe finalmente vincere il ballottaggio con Allievi. A centrocampo iniziano i primi dubbi per Fabio Caserta: Calò e Viola sono diventati imprescindibili per questa squadra, ciononostante. Mezavilla, Mastalli e Castellano reclamano la loro chance per impressionare l’allenatore; l’altro posto, invece, dovrebbe essere occupato da Carlini, il quale potrebbe scalare in attacco nel caso in cui venga dato spazio ad un terzo centrocampista nel mezzo.
L’attacco gialloblù, da inizio stagione, è stato un rebus e neanche in questo caso delude le attese: l’unico sicuro del posto è Melara – visto l’infortunio di Di Roberto; Elia, dopo la panchina di domenica, potrebbe tornare titolare, visto che Canotto non è pronto a sostenere tutti e 90 i minuti; il problema, però, è relativo al ruolo di cannoniere del match, con El Ouazni che potrebbe essere rilasciato dopo il gol al Matera.

PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3): Branduani, Vitiello, Troest, Marzorati, Aktaou, Calò, Viola, Carlini, Elia, Melara, El Ouazni.