Il Consigliere delegato del C.R. Campania spiega in anteprima le novità del format Play Off dei campionato Under 17 e Under 15

NAPOLI - Grandi novità e riforme quelle lanciate dalla FIGC Campania per quanto riguarda il Settore Giovanile Scolastico. In esclusiva, a Campania Football, è intervenuto Salvatore Errichiello, Consigliere del Direttivo del C. R. Campania con delega al SGS e tra i promotori di quest’evoluzione che sta trovando tanti consensi tra i Dilettanti.

Errichiello si sofferma sulle ultime riforme, riguardanti le categorie Under 17 (ex Allievi) e Under 15 (ex Giovanissimi) che per la prima volta prevedono i Preliminari Play Off.

“Abbiamo deciso di introdurre questa nuova formula nei due campionati per dare possibilità a tutte le squadre di raggiungere le fasi finali e di non uscire anzitempo perché magari capitata in un girone di ferro. In più, cerchiamo con i preliminari di rendere tutte le partite avvincenti fino alla fine con le squadre che, anche all’ultima giornata, avranno degli obiettivi da raggiungere”.

In cosa consiste il Preliminare Play Off? “Il Preliminare permetterà, in Under 17, alle seconde e terze classificate di poter competere per accedere alle fasi finali. Le seconde sfideranno le terze, ma ovviamente saranno sfide tra squadre di gironi diversi. Dai Preliminari Play Off usciranno quattro vincenti che andranno a sfidare, nella fase finale, altre quattro squadre, che corrispondono alle prime classificate di ogni girone che quindi andranno di diritto ai Quarti di Finale”.

Discorso un po’ diverso per l’Under 15: “Anche qui, le prime classificate dei cinque gironi accederanno di diritto ai Quarti di Finale, ai Preliminari però andranno non solo le seconde e le terze classificate ma anche le due migliori quarte. Dal Preliminare, usciranno tre squadre vincenti che si accorperanno poi alle cinque già ai Quarti per la disputa della fase finale”. Una riforma sorprendente e lungimirante quella spiegataci da Errichiello che, come lui stesso dice, ha trovato “il consenso di tutte le società che, con entusiasmo, hanno accolto tali riforme. Con questo, abbiamo dimostrato che il CR Campania non guarda solo ai grandi, alle prime squadre ma anche e soprattutto al settore giovanile. A tal proposito, stiamo pensando di studiare bene i calendari giovanili per consentire, prima di Natale, qualche importante raduno delle varie Rappresentative”.