I nerazzurri sprecano diverse occasioni grazie anche alle parate dell'estremo ospite. L'esperto centrocampista si fa espellere per un fallo di reazione

SANTA MARIA CAPUA VETERE (CE) - Una gara quasi stregata per il Gladiator che ci ha provato per tutti i novanta minuti ma non è riuscito a sbloccare il risultato, nei nerazzurri buona la prova della difesa, giornata nera per Vitiello mentre Di Paola dura un tempo. In un Giugliano incerottato il migliore è sicuramente l’estremo difensore Mola autore di almeno tre interventi salva risultato, ottima prova di Longobardo che mostra personalità, bene anche Camara entrato nella ripresa.

GLADIATOR

MAIONE (voto 6): Giornata decisamente più tranquilla rispetto alla gara di sabato, l’estremo difensore vive una partita quasi da spettatore e solo nel finale deve sporcarsi i guantoni, quando si fa trovare pronto prima su un tiro potente di Camara e poi sul tiro “sporco” di Filogamo.

DI FINIZIO (voto 6): Gara senza particolari acuti per il terzino destro nerazzurro, molto meno propositivo del solito e più accorto in fase difensiva. Aiuta tanto il collega De Carlo in fase di non possesso sbagliando però qualche appoggio di troppo, apparendo un po’ nervoso.

DE CARLO (voto 6): Riscatta la pessima prova del turno scorso giocando una gara accorta senza particolari sbavature. Chiude sempre in maniera efficace e risulta preciso in marcatura, sbaglia qualche passaggio di troppo ma la sua prova resta comunque sufficiente. Dall’80’ OLIVA SV

MARAUCCI (voto 6,5): Anche per lui prova di tutt’altro livello quest’oggi, torna il leader difensivo di sempre e spesso dai suo piedi partono le azioni sammaritane. Sfortunato nella ripresa quando di testa sfiora il vantaggio centrando il palo.

ESPOSITO (voto 6): Molto propositivo sulla corsia sinistra tenta spesso la giocata sovrapponendosi con Di Paola. Dai suoi piedi nasce una delle azioni più pericolose della ripresa non finalizzata dagli attaccanti.

VITIELLO (voto 4): L’esperto regista nerazzurro parte bene impostando spesso il gioco servendo i suoi compagni anche con i calci piazzati. Ad inizio ripresa perde il controllo e viene espulso per aver scalciato un avversario lasciando per oltre mezz’ora i suoi in dieci

DI PIETRO (voto 6): Solita gara di quantità per il capitano che lotta e guadagna una quantità indefinita di calci piazzati. Nella ripresa cala alla distanza ma fa comunque sentire la sua presenza quando c’è da mettere la gamba.

COPPOLA (voto 5,5): Gara sottotono per lui che smbra vagare per il campo senza mai riuscire ad entrare nel match. Va spesso in difficoltà sul pressing avversario venendo richiamato continuamente dal suo allenatore. Dal 71′ MARZANO (voto 5,5): Entra per dare maggiore qualità nel mezzo ma non riesce ad incidere sul match nonostante l’arrembaggio finale dei suoi.

DI PAOLA (voto 5,5): Gioca un primo tempo apprezzabile sfiorando più volte la rete con diverse conclusioni venendo fermato solo da uno strepitoso Mola. Nella ripresa si spegne e sparisce dal campo non riuscendo più a rendersi pericoloso. 

TEDESCO (voto 5): L’esterno ex Gelbison non è ancora entrato a pieno negli schemi di squadra e si vede, cerca sempre la giocata ma spesso non si intende con i compagni che fanno un movimento diverso. Troppo lezioso quando ha il pallone tra i piedi sbagliando spesso i tempi perdendo così il pallone irritando i suoi compagni e l’allenatore. Dal 71′ FALCO (voto 5,5): Il suo ingresso dovrebbe dare maggiore vivacità in avanti ma non riesce mai a saltare l’uomo sbattendo sulla difesa ad oltranza del Giugliano

STRIANESE (voto 5): Ha il difficile compito di sostituire Del Sorbo e spreca l’occasione. Sciupa diverse occasioni di cui una clamorosa che poteva dare il possibile vantaggio da pochi passi poi viene fermato da un super Mola.

SANTONASTASO (voto 6): Imposta bene la gara e nonostante due assenze pesanti riesce comunque a fare la partita. La squadra gioca ma la panchina corta lo penalizza e l’assenza di Del Sorbo diventa un macigno, sfortunato quando i suoi sfiorano il gol per questione di centimetri centrando il palo.

GIUGLIANO

MOLA (voto 7,5): Una prestazione da applausi per l’estremo difensore gialloblu, compie tre interventi miracolosi che salvano il risultato. Nei pali sembra avere le ali, vola da un estremo all’altro con l’agilità di un felino, se i suoi strappano un punto lo devono soprattutto a lui.

LONGOBARDO (voto 6,5): Prova di personalità per il giovanissimo difensore che mostra carattere nonostante dalle sue parti ci sia un cliente scomodo come Di Paola. Cresce di minuto in minuto, giocando una ripresa da difensore consumato dimostrandosi un vero mastino. 

STENDARDO (voto 5,5): Il veterano della retroguardia tigrotta oggi soffre in maniera particolare lo sgusciante Strianese. Spesso è costretto al fallo tattico per fermarlo e non sempre ci riesce, nella ripresa migliora e si fa perdonare immolandosi sulla conclusione di Tedesco da pochi passi.

DE SIENA (voto 5,5): Pomeriggio complicato per il giovane difensore che va subito in difficoltà rimediando un giallo nei primi minuti. Spesso in ritardo commette diversi interventi fallosi, evidenziando tutto il suo affanno. Imbimbo se ne accorge e a fine primo tempo lo toglie dal campo. Dal 46′ CAMARA (voto 6,5): Il suo ingresso consente di avere un velocista per le ripartenze e le azioni migliori dei suoi partono sempre dai suoi piedi, prima si mette in proprio e impegna Maione poi serve Filogamo che non ne approfitta. 

MICILLO (voto 5,5): Gioca con il freno a mano tirato per le disposizioni del suo allenatore, si limita a sorvegliare la sua porzione di campo senza mai affondare il colpo. Aiuta molto in fase difensiva perdendo però di pericolosità in attacco.

OTRANTO (voto 5,5): Dei due centrali dovrebbe essere colui che detta i tempi ma oggi proprio non va. Sbaglia diversi passaggi e non riesce mai a far girare il pallone, anche in fase di non possesso è spesso fuori posizione e non sempre riesce a prendere la marcatura facendo infuriare Imbimbo.

OSEI (voto 6): Buona la gara del ghanese che mette muscoli e fiato al servizio della squadra, fino all’infortunio corre a tutto campo aiutando la squadra in entrambe le fasi, risultando tra i più positivi. Dall’86’ SILVESTRE SV

COZZOLINO (voto 6): Partita ordinata per l’esterno che non attacca praticamente mai ma gioca un’ottima gara in copertura bloccando spesso Tedesco. Appare molto disciplinato tatticamente nonostante non fornisca una prova appariscente. 

DE LUCA (voto 5,5): Gioca tra le linee dando noie al play basso avversario, innesca spesso gli avanti nella prima parte fornendo una prova discreta. Con il cambio modulo viene confinato sulla sinistra e perde di efficacia e lo si vede meno.

SILVA (voto 5): Gara impalpabile per l’attaccante brasiliano, tocca pochissimi palloni non riuscendo mai a fare la giocata giusta. Prova con la sua velocità a rendersi pericoloso ma non riesce mai ad andare via, risultando troppo fumoso.

OREFICE A. (voto 5): Dal suo talento ci si aspettava decisamente di più, non riesce mai a trovare la via della porta e quindi a rendersi pericoloso. Riceve pochi palloni che non sfrutta, nemmeno da calcio piazzato, pezzo forte del suo repertorio. Dal 79′ FILOGAMO SV

IMBIMBO (voto 6): Deve fare di necessità virtù avendo mezza squadra fuori tra infortuni e squalifiche. Gioca per il pareggio e, grazie ad un Mola in stato di grazia e ad un pizzico di fortuna, riesce nel suo intento portando a casa un punto che serve a poco per la classifica ma dà morale in vista del prosieguo della stagione