Diamo i voti ai protagonisti del match contro il Bari targato De Laurentiis

TORRE DEL GRECO (NA) - Abagnale VOTO 6: Partita senza particolari impegni per il ritornato portiere corallino, nell’economia generale è chiamato ad una singola parata nemmeno tanto complicata, per il resto tanta tranquillità.

Di Nunzio VOTO 7.5: Quando vede il Bari si illumina e anche stavolta domina in lungo e in largo sugli attaccanti ospiti, di testa è imperioso ed è sempre attento quando c’è da spazzare il pallone più lontano possibile.

Lorenzini VOTO 7: Insieme a Di Nunzio addomestica Antenucci rendendolo impotente sia con la testa che con il suo destro. L’ex Picerno anche lui bada al sodo e catechizza ogni pallone che arriva nella sua zona.

Loreto VOTO 7.5: Uno dei punti chiave dell’idea di calcio ideata da Caneo: difendere ed attaccare. Dietro è un autentico muro per lo sfortunato D’Orsi, in avanti è una certezza sfruttando un batti e ribatti in area che lo premia con l’ennesimo gol stagionale.

Ferretti VOTO 7: Torna dopo qualche giornata out e rende ingiocabile la partita di Rolando a furia di anticipi e contrasti che vanno tutti a favore dell’ex Ternana. In avanti spinge e premia D’Ignazio con il pallone al bacio per l’1-0 dei campani.

Da Dalt VOTO 6.5: Partita ordinata da parte dell’esterno argentino che mette in campo tutta la “garra” che ha in corpo, spinge tanto sulla fascia e in difesa è un aiuto fondamentale per Ferretti.

Franco VOTO 6.5: Tanta geometria e tanta qualità messa in campo a disposizione per la squadra, pulisce tutti i palloni sporchi senza disdegnare cambi campo e lanci lunghi che sono perfetti per ogni azione, in difesa invece non ha tanto da compiere.

Tascone VOTO 7.5: Dopo la super prestazione contro la Ternana, l’ex Pescara domina in lungo e in largo in mezzo al campo, in difesa è un autentico muro e appena ha palla tra i piedi si lancia a capofitto nei suoi solito coast to coast che anche contro il Bari sono fiore all’occhiello di questo calciatore. Resiste anche ai crampi nel momento più delicato della sfida ed esce nel recupero con una meritata standing ovation dei pochi presenti allo stadio.

D’Ignazio VOTO 8: Si prende la rivincita contro la squadra che l’ha scaricato dopo il campionato in Serie D di due anni fa, l’esterno campano corre per tutta la fascia senza mai fermarsi diventando un incubo per il suo marcatore e finalmente arriva anche il suo primo gol in maglia corallina dopo l’ennesima incursione di nota tra le linee.

Giannone VOTO 6.5: L’arciere corallino oggi gioca per la squadra, si sacrifica tanto e metti tanti palloni per gli esterni e per Longo, da angolo sfiora più volte la rete con delle traiettorie molto insidiose per Frattali, esce nel finale completamente stremato.

Longo VOTO 6: Tanto pressing e tanta costanza che l’ha sempre contraddistinto, il capitano corallino gioca la parte di partita più complicata in cui le due squadre si chiudono a vicenda non favorendo il gioco negli spazi, esce per Boiciuc per favorire nuove forze fresche per difendere il risultato.

Alma VOTO 7: Entra e timbra il cartellino, un gol importante per la riconferma nella prossima stagione.

Boiciuc VOTO 6,5: Partita di sacrificio del moldavo che costruisce tanto ed è sfortunato in zona gol, molto meglio da rifinitore per la rete di Alma.

Esempio, Brandi VOTO S.V

Caneo VOTO 8: Partita preparata in modo maniacale dall’allenatore sardo, stavolta il 4-4-2 gli dà ragione, è un piacere vedere una squadra così armoniosa e attenta per tutti e novanta i minuti, un segnale non indifferente al presidente Colantonio per un rinnovo per vivere una stagione da protagonisti.