Vince la Salernitana con il Cittadella, rilanciandosi per la lotta playoff. Recrimina tanto la Juve Stabia, che si attacca ad un arbitraggio discutibile che potrebbe costare tanto

CASTELLAMMARE DI STABIA - Risultati importanti caratterizzano le sfide delle formazioni campane, che ottengono solo quattro punti, ma di un’importante vitale per le squadre coinvolte.

BRIGHENTI – DIONISI, JUVE STABIA STOPPATA DUE VOLTE SUL PARI DAL FROSINONE – È una Juve Stabia che può recriminare qualcosa quella scesa in campo contro il Frosinone al Benito Stirpe. Le vespe pareggiano 2-2, ma gli episodi non sembrano essere effettivamente dalla loro: le due reti dei ciociari, infatti, sembrano essere viziate da una posizione di fuorigioco di partenza, mentre alle vespe manca una rete di Francesco Forte, annullata ingiustamente per un fuorigioco mal ravvisato. Nonostante tutto, resta un’ottima prestazione ai campani, in grado di mettere in difficoltà i padroni di casa per più di un tempo e di passare in vantaggio più di una volta in un terreno in cui non è mai arrivata una vittoria.
In conclusione, non risulta molto proficuo questo pareggio per la Juve Stabia, che resta va a tre punti dalla salvezza.

POKER STELLARE, LA SALERNITANA RITROVA I PLAY-OFF – È un dominio granata quello che va in scena all’Arechi di Salerno, dove gli uomini di Ventura superano in grande stile 4-1 il Cittadella. Protagonista assoluto del match è Cristiano Lombardi, il quale non solo crea letteralmente scompiglio nella retroguardia avversaria, ma addirittura pone due volte la sua firma sull’incontro: una in rovesciata, la seconda sulla respinta di Paleari, bravo a respingere il penalty di Cicerelli. C’è gioia anche per Gondo e Kiyine in serata, mentre appare inutile la marcatura di Gargiulo del temooraneo 2-1 del Cittadella.
È un successo fondamentale quello della Salernitana, che torna così in zona playoff in attesa di affrontare sfide difficili come quella con il Crotone o con lo Spezia.

SECONDA SCONFITTA IN POCHI GIORNI PER LE STREGHE, A TRAPANI VINCONO I SICILIANI – Con la promozione in A già festeggiata è un Benevento scarico di motivazioni quello che si presenta in casa del Trapani, che, tra le mura amiche, si impone 2-0 e continua a sognare la salvezza.
Il match è decisamente equilibrato, con occasioni da una parte e dall’altra. Ma se da sponda giallorossa manca un po’ di lucidità in campo, i granata invece non sprecano un’occasione d’oro, ottenendo tre punti fondamentali grazie ai sigilli, uno per tempo, di Pagliarulo e Coulibaly.
Sembra un preludio, questi ultimi incontri, di ciò che potrebbero mostrare le streghe in campo, quindi con voglia di giocare, ma non di sopraffare l’avversario, vista la necessità ormai scomparsa di farlo.