L'ormai ex funambolico fantasista dell'Afro Napoli, è in cerca della miglior scelta in vista della prossima stagione

NAPOLI - Roma, Lecce, Salernitana, Catania. Basterebbe questo per far capire il valore incredibile del giocatore in questione, e che chi lo prende farà sicuramente il colpo di questo mercato. Stiamo parlando di Rodney Anderson meglio conosciuto come Babù. Il funambolico fantasista brasiliano dopo 2 strepitose stagioni ha lasciato la famiglia dell’Afro Napoli United, per avventurarsi in una nuova avvincente esperienza in Eccellenza. Ma il cambio casacca non sarà l’unico cambiamento di questa stagione per il “10”, il brasiliano ha affidato la sua procura ad un nuovo agente, ovvero Giuseppe Scotti.

Dopo anni si è chiuso il tuo percorso all’Afro Napoli che esperienza è stata?
“All’Afro sono stato 2 anni. È stata un’esperienza bellissima, abbiamo fatto un bel po’ di risultati, abbiamo vinto un campionato e l’altro l’abbiamo finito al quinto posto. Penso sia stata una bella esperienza”.

Cosa è mancato per una nuova conferma in biancoverde? Mancanza di stimoli o cambio di progetto?
“Era arrivato il momento di cambiare. Un po’ il progetto è cambiato, un po’ voglia di provare nuove esperienze. Io però continuo a volere bene a quella società e auguro il meglio all’Afro Napoli”.

Nel tuo prossimo futuro ti vedi ancora nel mondo del calcio in veste di allenatore o dirigente?
“No, mi sono divertito negli ultimi 2 anni all’Afro Napoli e penso posso continuare a divertirmi ancora giocando”.

Ci sono contatti con qualche squadra di categoria?
“Sì, qualcosa si è mosso. Però adesso è cominciato il mercato, quindi vediamo un po’ quali sono quelle società che poi alla fine puntano e ambiscono ad un buon campionato. Ho visto che tante società stanno andando forte comr l’Afragolese. Ho visto qualche problemino alla Frattese, che ha perso il suo allenatore. Siamo solo all’inizio, ora vediamo quali sono quelle società che puntano a fare un buon campionato, poi sicuramente cerchiamo di divertirci anche quest’anno”.

Quali sono le squadre che ti hanno contattato?
“Al momento solo chiacchiere da bar, e nulla di concreto”.

Hai cambiato agente, ora della tua procura si occupa Peppe Scotti. Che rapporto hai con lui e come mai questa scelta?
“Peppe Scotti l’ho conosciuto tramite un altro ex compagno dell’Afro Napoli (Domenico Arcobelli, ndr). Mi sembra una brava persona, bravo nel lavoro che fa, quindi. È abbastanza esperto per capire quali sono le buone società per lavorare bene l’anno prossimo”.

Il tuo ruolo di istruttore sta rilevando un notevole successo, parlaci un po’ di questa esperienza
“Ho il patentino Uefa B. Anche all’Afro Napoli l’anno scorso, abbiamo cominciato un leggero lavoro sulla tecnica di base. È sicuramente un’esperienza che mi piace tanto affrontare”.