Clamoroso posticipo di uno degli eventi più importanti del calcio dilettantistico campano, Cervinara e Giugliano dovranno quindi attendere ancora per giocarsi la Finale

NAPOLI | Ha del clamoroso la notizia arrivataci poco fa in sede. La Finale di Coppa Italia Eccellenza che vedrà protagoniste Giugliano e Cervinara sarà posticipata a Mercoledì 30 Gennaio. L’incontro, che era stato ufficializzato per il 23 Gennaio, sarà dunque disputato sette giorni dopo. Alla base di questa inaspettata decisione, ci sarebbe la difficoltà della FIGC Campania nel trovare una struttura sportiva idonea capace di ospitare due tifoserie importanti come quella del Cervinara e del Giugliano.

Uno slittamento dovuto quindi per l’indisponibilità di campi importanti della Regione come il “Pinto” di Caserta e il “Torre” di Pagani, impegnati per il turno infrasettimanale di Serie C in programma proprio il 23 sera, oltre che per motivi di ordine pubblico dovuta alla natura della struttura, una pecca che ha portato a boicottare l’ipotesi “Menti” di Castellammare di Stabia. Sfumata anche l’idea del “Giraud” di Torre Annunziata, con l’impianto torrese che a breve sarà interessato da massicci interventi per le Universiadi. Negli ultimi giorni il Comitato aveva addirittura tentato di riproporre lo “Squitieri” di Sarno, già teatro della finale del 2017 ma subito scartata visto il precedente poco felice di due anni fa. Tanti fattori che hanno portato al clamoroso slittamento.

Una data quella del 30 gennaio che sarà dunque cruciale soprattutto per il Giugliano che prima della finale affronterà Casoria e Frattese in campionato, due big-match di alto livello. Tornando alla problematica campo, in questo modo salirebbero le quotazioni del “Marcello Torre” di Pagani che andrebbe così ad ospitare per il secondo anno consecutivo l’ultimo atto della kermesse regionale mentre restano più defilati lo stadio “Alberto Pinto” di Caserta e lo stadio Arechi di Salerno.