Il club viola ha comunicato alla Figc Campania la propria intenzione di fermarsi

CASORIA (NA) -  Anche il Casoria si aggiunge all’elenco delle società che non riprenderanno il torneo di Eccellenza. Questo il comunicato del club viola: “Il Casoria Calcio rende noto che, pur apprezzando l’impegno profuso dalla Federazione per consentire lo svolgimento e la ripresa del campionato di Eccellenza, in data odierna ha formalmente comunicato alla FIGC LND CAMPANIA il proprio parere negativo alla ripresa dell’attività agonistica. 

Senza entrare nel merito del format “a scartamento ridotto” ideato dagli organi federali per comprimere in due o tre mesi una stagione intera, l’unica vera motivazione che induce il Casoria Calcio a non considerare l’ipotesi di tornare in campo risiede nella constatazione che l’attuale emergenza epidemiologica è di gran lunga più grave – in termini di contagi registrati quotidianamente nella nostra Regione – rispetto a quella che lo scorso anno, in questo stesso periodo, determinò l’interruzione del campionato.

Pensare di riprendere allenamenti e partite in presenza di rischi così elevanti è, a giudizio del Casoria Calcio, qualcosa di assolutamente improponibile, se davvero si vuole mettere la salute al di sopra di ogni cosa, a ciò si aggiunga che i tempi di preparazione atletica dei tesserati si ridurrebbero a così pochi giorni che l’incolumità fisica degli stessi si limita notevolmente.

Come dimostra il dilagare di contagi di positività in Serie D, pur volendo adottare – con infinite difficoltà e seri dubbi sulla loro concreta attuabilità – tutti i protocolli e tutte le misure precauzionali previste, si fa davvero fatica a credere che tali sforzi possano garantire la dovuta sicurezza di calciatori e addetti ai lavori.
Riteniamo, inoltre, che le società dilettantistiche non abbiano ne gli assetti ne le strutture idonee a sostenere i primi casi di contagio che porterebbero inesorabilmente alla rinuncia strada facendo, meglio rinunciare a priori che partire e convivere con il timore di ammalarsi e di fermarsi nuovamente”.