Ottaviano riabbraccia l’Eccellenza a vent’anni di distanza dall’ultima volta, con l’intenzione di non essere una comparsa ma regalare un altro ottimo campionato ai propri tifosi come quello appena terminato culminato con la vittoria degli spareggi che ha riportato entusiasmo nella città vesuviana

Ai nastri di partenza del campionato di Eccellenza 2018-2019 ci sarà anche la Virtus Ottaviano, vincitrice dei play off di Promozione, a vent’anni di distanza dall’ultima volta in cui il massimo campionato regionale è passato per la città vesuviana.

Tra gli artefici dell’impresa c’è sicuramente il direttore Mariano Improta che a Campania Football parla della stagione appena conclusa e quella che verrà per la compagine rossoblu: “Ormai ad Ottaviano mi sento in famiglia, il presidente Onofrio Albano e il mister Michele Iervolino a distanza di un anno e dopo una grande stagione li reputo degli amici“. Poi ammette: ” Non so ancora quale sarà il mio futuro, ho diverse offerte e mi sto guardando intorno ma mi farebbe piacere anche restare ad Ottaviano“, l’ex dirigente del Savoia svela poi anche il futuro del mister: “Iervolino resterà sicuramente la guida tecnica perché lui non è un semplice allenatore ma un vero e proprio manager di questa società“.

Passando poi agli obiettivi della prossima stagione sottolinea come la dirigenza non sia giunta in Eccellenza a fare la comparsa: “Conoscendo la proprietà sono certo che non vorranno fare un campionato di sofferenza, quasi certamente si partirà come quest’anno senza porsi obiettivi cercando di arrivare il più in alto possibile perché questa è una società ambiziosa“.

Idee chiare anche per quanto riguarda la rosa: ” Stiamo già valutando le diverse opzioni, sicuramente ci saranno degli addii, uno su tutti quello di Varriale una perdita importante che dovrà essere colmata e poi dovremo sostituire tutti coloro che andranno via per scelta  o perché non più funzionali al progetto perché -sottolinea- il campionato di Eccellenza è tutt’altra cosa rispetto a quello di Promozione“.

Chiusura sugli under necessari per il completamento della rosa: “la prossima settimana sarò a visionare alcuni giovani 2000, 2001 e 2002 per cercare prospetti interessanti che possano andare a completare una rosa che vuole fare bene e non farsi trovare impreparata al ritorno in Eccellenza“.

 

                                                                                                                                                                                                        Domenico Colantuono