Le parole del capitano neroverde che è intervenuto ai nostri microfoni sul dibattito che si è scatenato negli ultimi giorni che ha visto protagonisti il presidente Angelo Pezone ed il mister Lello Cottuno

TRENTOLA DUCENTA (CE) – Umore negativo quello che avvolge la retrocessa Virtus Liburia. Dopo l’intervento di Lello Cottuno e la replica del patron Angelo Pezone, ad intervenire è il capitano e veterano Luigi Raimondo che afferma:

“La partita con il Casagiove purtroppo non è andata come volevamo, è stato il risultato di un’annata NO..

Il campionato era iniziato bene, stavamo facendo vedere buone cose. Poi per vari problemi, dopo l’abbandono di alcuni calciatori importanti le cose si sono iniziate a mettere male fino alla retrocessione…

Conosco il presidente da 3 anni, posso dire che è una bravissima persona però non sono assolutamente d’accordo per la dichiarazione che ha fatto nei confronti del mister. Capisco il momento di rabbia ma non la vedo così, anzi, se non era per il mister probabilmente non saremmo nemmeno arrivati a giocare il play out. Ci ha trattati come un padre cercando sempre di farci capire il senso del calcio. Mi ha sorpreso un po’ questa rabbia che ha espresso nei suoi confronti.

L’anno scorso ci trovammo in una situazione di classifica pessima e con il suo approdo riuscimmo a fare il cosiddetto “miracolo sportivo”. Cottuno mi ha cresciuto calcisticamente, ho fatto bei campionati con lui e non penso che non abbiamo mai fatto una partita all’altezza.”

A cura di Andrea Murolo