Una squadra di calcio allestita da una madre per tenere vivo il ricordo del suo piccolo angelo sui campi di calcio della Campania

CAMPANIA - Una nuova realtà calcistica che nasce con uno scopo nobile: ricordare un giovane atleta scomparso, purtroppo, troppo in fretta. Con questo ideale è nata l’associazione ‘Matteo Football King’, che già dal nome ha come obiettivo quello di dare memoria a Matteo, il piccolo figlio della presidentessa Annamaria Pagnotta che, dopo una lunga battaglia, ha dovuto lasciare questa vita terrena per volare in cielo tra gli angeli.

La ‘Matteo Football King’ sarà ai nastri di partenza della prossima Seconda Categoria ma la presidentessa Pagnotta guarda in avanti e soprattutto pensa in grande, visto che già in questa stagione calcistica ha costruito uno staff dirigenziale all’altezza della situazione e soprattutto ha già annunciato di voler “puntare alla Promozione, quest’anno ci servirà per farci le ossa ma per Matteo dobbiamo raggiungere almeno le prime 5 posizioni di classifica, e così ho già promesso ai calciatori che nel campionato 2020-21 faremo di tutto per iscriverci al campionato di Promozione”.

La società, che giocherà le sue gare interne allo stadio ‘Comunale’ di Lusciano, ha prelevato il titolo della Asd Fulgor Sparanise e quindi partirà dalla Seconda Categoria. Con due capisaldi, un lusso per questa categoria: il capitano Giuliano Maisto e coach Paolo Carpiniello. Il primo ha una lunghissima esperienza, ed è un vero bomber delle categorie dalla Prima alla Terza, è un giocatore che può tranquillamente fare la differenza. Coach Carpiniello invece seguirà la squadra sia a livello tecnico-tattico che a livello fisico visto che è anche un preparatore atletico tra i più preparati della Regione e soprattutto è consapevole del fatto che spesso le partite le vince chi riesce a resistere di più durante i 90 minuti di gara.

Un gruppo già ben collaudato si sta allenando in questi giorni a Lusciano, e il prossimo incontro ci sarà a fine agosto dopo le vacanze estive. Una squadra formata da calciatori di categoria e di esperienza, con le giuste qualità per raggiungere il prima possibile l’obiettivo dichiarato dalla società. Da settembre si inizierà a fare sul serio, perché c’è un ricordo da onorare. Tutto questo è solamente “per Matteo”