A quattro giornate dalla fine è tempo di fare i primi conti in vista della lotta in zona playout, per i corallini oramai basta gestire il gap di punti che ha sulle dirette avversarie

TORRE DEL GRECO (NA) - A quattro giornate dalla fine del girone di ritorno gli uomini di Caneo vedono sempre più vicino il traguardo salvezza diretta, sogno che si potrà coronare già domenica in casa contro però la neocampione Ternana che a caccia dell’ennesimo record da battere.

Per i corallini è stata un campionato dalla doppia faccia, dopo i 27 punti nel girone d’andata sono stati solo 8 quelli nel girone di ritorno che hanno fatto si che la squadra di Torre Del Greco è passata dalla bagarre della zona playoff al limbo dei playout, fortunatamente dietro di lei la concorrenza è riuscita a fare di peggio, oltre al Trapani già retrocesso per fallimento e la Cavese che a meno che di un miracolo sportivo non riuscirà nemmeno a giocarsi i playout, l’occhio di riguardo si sposta su Bisceglie, Paganese, Vibonese e Turris. Con la prima più staccata dalle altre che aspetta solamente di conoscere la sua sfidante ai playout, le altre tre si giocano due posti salvezza e non uno come previsto grazie alla Cavese che si trova a -19 dalla prima squadra che si salva direttamente e per far si di giocarsi i playout dovrà ridurre il gap a -8, praticamente un’utopia.

La situazione dei corallini sembra oramai ben delineata, bisogna tenersi più lontano possibile dalla terz’ultima, ovvero la Paganese che dista a 8 punti, un vantaggio molto grande che fa ben sperare agli uomini di mister Caneo per una salvezza tranquilla prima dell’ultima giornata. Il primo match point è domenica, anche se l’avversario non è dei più facili, visto che a Torre del Greco arriverà la Ternana di mister Lucarelli di cui già ha annunciato la caccia al record di vittorie in trasferta e quindi renderanno la vita ai corallini difficilissima. Alla Turris serviranno dunque 3 punti e la contemporanea sconfitta della Paganese per far si che la festa abbia inizio, ma anche in mancata vittoria della squadra del presidente Colantonio la festa sarà solo rimandata poichè la Turris il turno successivo sarà di scena a Cava De Tirreni contro la Cavese che in tutta probabilità sarà già condannata dalla matematica e quindi un turno molto più abbordabile per i corallini. 

Per la Paganese dunque c’è l’obbligo di fare bottino pieno in queste ultime quattro giornate, turni non semplicissimi per la squadra campana poichè troverà sul suo cammino: Monopoli, Foggia, Potenza e Casertana. Con i potentini che sono alla ricerca degli ultimi punti per la salvezza sicura e le altre tre in lotta per un posto nei playoff. Compito quasi da “mission impossible” per gli uomini di mister De Napoli che oltre al calendario difficile dovranno superare anche lo stato di forma non eccezionale che vede 4 sconfitte nelle ultime 5 partite.

Tutti i presupposti danno Turris e Vibonese le probabili a conquistare gli ultimi due posti lontani dall’inferno dei playout, ma l’ultima parola sarà data dal campo che negli ultimi anni ci ha sempre regalato, soprattutto in Serie C, ribaltoni insperati e rimonte al cardiopalma.